Porchetta

Ricette con porchetta
Senza Glutine
Senza Lattosio
Caratteristiche generali
La porchetta è una specialità delle regioni centrali dell'Italia, in particolare del Lazio e dell'Umbria. Si tratta di un maiale intero, svuotato e disossato, condito con sale, pepe e spezie e cotto in forno.
La paternità della porchetta è contesa tra Ariccia, nel Lazio, e Norcia, ma anche in Abruzzo la porchetta è nota e amata sin da tempi antichissimi.
La porchetta è associata al vino e, infatti, è tradizionalmente offerta nelle cantine delle zone vinicole, oltre ad essere un prodotto immancabile nelle sagre di paese, dove è venduta dai venditori ambulanti. Nei Castelli romani la porchetta è proposta nelle fraschette, i tipici locali dove si consuma tradizionalmente porchetta e vino.
La porchetta si presenta come una carne rosa, striata di grasso bianco, con una crosta croccante di colore marrone. È un alimento molto saporito e profumato.
Tipi/Varietà
A seconda della tradizione, la porchetta è aromatizzata in modo differente: nei Castelli Romani, come nella toscana meridionale, è aromatizzata con rosmarino, mentre in Umbria, nell'Alto Lazio e in altre regioni come Marche e Romagna, è consuetudine aromatizzala col finocchio.
Una delle porchette più famose è quella di Ariccia, nei Castelli Romani, che ha anche ottenuto il marchio IGP.
La porchetta si commercializza intera, in tronchetto (ovvero la parte tra la terza vertebra dorsale e l'ultima vertebra lombare del suino), in tranci o a fette.
Uso in cucina
La porchetta si consuma tradizionalmente nei panini imbottiti, come cibo da strada, o nella pizza da forno, tipica di Roma, o nel pane arabo; nei Castelli Romani è consuetudine servirla col pane di Genzano.
Può anche essere cucinata secondo una ricetta tradizionale che prevede di ripassarla in padella con olio, pomodorini e aglio.
Guida all'acquisto
La porchetta deve presentarsi con la crosta croccante, soprattutto nella parte superiore, l'odore intenso e gradevole.
Metodo di conservazione
Una volta acquistata, la porchetta deve essere conservata a temperatura ambiente, in un luogo fresco, avvolta nel suo cartoccio, per poi essere consumata in giornata.
Curiosità
La porchetta ha origini antichissime. Diffusa e amata già nel Cinquecento, pare che risalga ai tempi degli Etruschi: infatti, sono state trovate delle testimonianze in alcune necropoli.
Commenti
2 commenti inseriti
Inviato da Gustissimo.it il 19/07/2016 alle 10:09
Buongiorno Pierino! La cottura della cottura della porchetta allo spiedo è abbastanza impegnativa: parliamo di tempi che raggiungono anche le 6/7 ore di cottura. Se vuoi comunque saperne di più, clicca su questo link: www.gustissimo.it/scuola-di-cucina/metodi-di-cottura/cottura-allo-spiedo.htm
Inviato da pierino salogni il 15/07/2016 alle 19:02
ma quanto tempo di cottura ci vuole per una porchetta allo spiedo grazie

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?