Isomalto

Isomalto
Senza Glutine
Senza Lattosio
Vegano
Vegetariano
Caratteristiche generali
L’isomalto è una sostanza naturale ricavata dalla barbabietola da zucchero e appartenente alla famiglia dei polialcoli o polioli, ossia glucidi simili ai monosaccaridi per formato molecolare.
È spesso utilizzato come sostituto dello zucchero comune al quale somiglia per il suo aspetto cristallino e il colore bianco ma, a differenza dello stesso, presenta il vantaggio di un ridotto apporto calorico (circa la metà) anche se il potere dolcificante è inferiore, per cui potrebbero servirne quantità maggiori.
Oltre a non favorire i picchi glicemici, ossia l’improvvisa concentrazione di zuccheri nel sangue, pare che l’isomalto non comporti la formazione di carie, ecco perché molto spesso è presente tra gli ingredienti di caramelle e chewing-gum. Non solo, questo dolcificante non tende ad assorbire l’umidità, a differenza dello zucchero comune e, una volta portato al punto di fusione, mantiene a lungo la sua trasparenza perché il processo di ricristallizzazione è molto lento. Si spiega così l’ampio uso nelle confetterie e pasticcerie, specialmente nella realizzazione di golose decorazioni.
È bene però non abusare dell’isomalto, perché, come accade con tutti i polioli, si potrebbero generare problemi gastrointestinali con effetti lassativi.
Uso in cucina
Oggi l’isomalto è sempre più impiegato in cucina come sostituto dello zucchero, specialmente da chi è affetto da diabete; tuttavia, per gli effetti collaterali già menzionati, occorre sempre moderarne il consumo.
I migliori usi dell’isomalto si riscontrano soprattutto nel settore dolciario per una serie di vantaggi rispetto allo zucchero comune: non si trasforma in caramello alle alte temperature, al contrario, mantiene trasparenza e limpidezza; una volta cristallizzato, conserva a lungo le sue proprietà e può essere riutilizzato riportandolo al punto di fusione (150°C).
È, insomma, una sostanza molto semplice da plasmare e manipolare specialmente in vista di raffinate ed elaborate decorazioni dolciarie. Qualche esempio? Dai filamenti colorati (con l’aggiunta di coloranti) a “coppette dolci”, da scritte artistiche o decorazioni floreali e nastriformi a sculture più complesse ed elaborate…
Per ottenere tutto ciò, sarà sufficiente scaldare l’isomalto in pentole di rame o acciaio con doppio fondo fino a raggiungere i 180°C; immergere per qualche istante la pentola in acqua fredda per bloccarne la cottura e versare l’isomalto ormai liquido in stampi di silicone o stampini appositamente scelti per ottenere le forme desiderate.
Guida all’acquisto
Si può acquistare nei grandi supermercati sotto forma di polvere o granuli, nel reparto “dolci” o “prodotti naturali”. Di sicuro non mancherà nelle bio-botteghe e nei negozi specializzati in decorazioni di pasticceria.
Metodo di conservazione
Sia fuso che solido, l’isomalto deve essere conservato in sacchetti o recipienti ermeticamente chiusi e lontani da fonti di calore; infatti, per quanto resistente, in caso di umidità tende a scurirsi pur mantenendo sostanzialmente inalterata la sua forma.
Curiosità
È vero, per sciogliere l’isomalto non occorre aggiungere nessun’altra sostanza in pentola, tuttavia basterebbe un po’ d’acqua per ottenere una consistenza più elastica. Questo escamotage è molto utile per certe tecniche decorative, come in quella dello zucchero soffiato.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?