Cerca
Sei in: Homepage / Ingredienti / Pesce / Scampi
Ricette con Scampi
Stampa questo contenuto

Scampi

Cerca tutte le ricette con Scampi

Grazie, riceverai una mail con le istruzioni per attivare il commento!
Se non ricevi il messaggio controlla anche tra la tua posta indesiderata, il messaggio potrebbe essere erroneamente considerato come spam.



Caratteristiche generali
Gli scampi sono crostacei appartenenti alla famiglia dei Nefropidi.
Di taglia media, hanno una dimensione variabile tra i 10 e i 20 cm.
Gli scampi prediligono fondali sabbiosi e vivono prevalentemente nel Mar Mediterraneo e in alcune zone dell'oceano Atlantico.
Dalla parte anteriore, protetta dal carpace, si diramano 13 paia di appendici, di cui due sono provviste di robuste chele. La parte posteriore dello scampo è l'addome, diviso in sei segmenti.
La polpa dello scampo, contenuta nella parte posteriore, è particolarmente apprezzata per la carne pregiata, dal sapore delicato.

Stagione
Gli scampi sono commercializzati sia freschi che congelati. I primi sono da ricercare del periodo invernale, tra settembre e aprile. I secondi, invece, si possono trovare durante tutto l'anno.

Tipi/Varietà
Come abbiamo visto, gli scampi vivono nel Mediterraneo e nell'Atlantico. Esiste però una varietà che vive nel Pacifico, conosciuto col nome di “gambero marino”.

Uso in cucina
Gli scampi hanno un sapore delicato, per cui si prestano a ricette non troppo elaborate, in modo da non confondere il gusto: semplicemente bolliti, alla griglia o cotti in padella con qualche fogliolina di prezzemolo, gli scampi sono ottimi come antipasto o secondo.
Molte sono le ricette che propongono questo delizioso crostaceo per preparare squisiti primi piatti: in questo caso generalmente gli scampi sono sgusciati e privati della coda, senza però eliminare la testa, che insaporisce il condimento.
Non possiamo non citare, infine, il risotto alla crema di scampi o il cocktail in salsa rosa, in cui spesso gli scampi sostituiscono i gamberetti per un antipasto più pregiato.
Gli scampi sono ottimi anche crudi: in questo caso è però necessario essere assolutamente sicuri della provenienza. Un abbattimento della temperatura in freezer per 3 giorni dovrebbe garantire l'assenza di batteri.

Come pulire
Gli scampi vanno sciacquati sotto l'acqua corrente. A seconda della ricetta, si può procedere o meno all'eliminazione del carapace, della coda e della testa. Se cotti alla brace, è necessario mantenere la crosta in modo che protegga le delicate carni dal contatto con un calore troppo forte. Se invece si preparano in insalata, è opportuno pulirli completamente.

Guida all'acquisto
Gli scampi freschi dovrebbero essere acquistati vivi: infatti sono molto resistenti e in grado di sopravvivere a lungo dopo la pesca. Se congelati, controllate il colore, che deve essere uniforme e privo di chiazze, gli occhi, neri sporgenti e la compattezza del corpo: se lo scampo è flaccido, è segno che non è fresco. Infine controllate l'odore, che deve essere gradevole e non ammoniacale.

Metodo di conservazione
Come tutti i prodotti del mare, gli scampi vanno consumati il prima possibile, In frigorifero, si possono conservare per un giorno, mentre è possibile congelarli, a -18°C, per mantenerli per un periodo di 3 mesi.

Curiosità
Gli scampi, come i gamberi, devono essere consumati con molta moderazione da chi soffre di alti livelli di colesterolo.

Tag Ricetta:

Ingrediente
Inserisci commento

Commenti:

Nessun commento.