Cerca
Sei in: Homepage / Ingredienti / Pesce / Trota
Ricette con Trota
Stampa questo contenuto

Trota

Cerca tutte le ricette con Trota

Grazie, riceverai una mail con le istruzioni per attivare il commento!
Se non ricevi il messaggio controlla anche tra la tua posta indesiderata, il messaggio potrebbe essere erroneamente considerato come spam.



Caratteristiche generali
La trota è un pesce d'acqua dolce, dal corpo affusolato, di dimensioni medie. Fa parte della famiglia dei Salmonidi ed è presente in gran parte d'Europa. Il corpo, ricoperto da squame, è caratterizzato dalla presenza di macchie rosse, nere o marroni. Il colore del dorso varia a seconda dell'ambiente, dal verde oliva al nerastro, i fianchi sono blu-argentati e il ventre tra il bianco e il giallo.
La trota, a parte la specie iridea, vive in acque fredde e con correnti rapide. Oggi è in gran parte allevata, in particolar in Italia, che è la prima produttrice in Europa.
Esiste anche una qualità di trota di mare.

Stagione
Tutto l'anno.

Tipi/Varietà
Esistono diverse specie di trote, tra cui le più comuni sono:

• La trota iridea o trota arcobaleno, originaria del Nord America, ad oggi la varietà più allevata in Europa.
• La trota salmonata, alimentata con gamberetti o crostacei che rendono la sua carne rosata, anch'essa molto diffusa negli allevamenti.
• La trota bruna, o trota europea, dalla carne rosata, originaria (come suggerisce il nome) del Vecchio Continente.
• Il Salmerino di fonte, diffusa soprattutto in mare, è la varietà di trota più piccola.
• Il Salmerino cavaliere, di colore blu argenteo, vive in acque molto fredde.
• La Trota Temolo, molto diffusa in Svezia, è caratterizzata dalla particolarità che appena pescata sprigiona un odore di timo.

Uso in cucina
La carne della trota ha un sapore molto delicato, per cui è consigliabile cucinarla con preparazioni semplici, che non ne coprano il gusto.
In padella, alla griglia o al forno, ottima anche semplicemente bollita o al vapore, la trota non lega molto con l'olio d'oliva, e per questo è spesso cucinata col burro.

Come pulire
Per pulire la trota è necessario eliminare le interiora, incidendo il dorso sotto le branchie per estrarle, e tagliare le pinne con forbici resistenti. SI può fare a meno di eliminare le squame: per farlo si passa il coltello dalla coda verso la testa.
Una volta pulita va sciacquata abbondantemente sotto l'acqua corrente.

Guida all’acquisto
L'odore della trota deve essere delicato e non ammoniacale. Il corpo sodo, le squame aderenti e l'occhio vivo e brillante sono indizi di freschezza.
Se troviamo sul banco del pesce trote tutte della stessa dimensione, è molto probabile che siano di allevamento.

Metodo di conservazione
La trota è un pesce molto delicato e resiste in frigorifero, ben avvolta in pellicola per alimento, per uno o al massimo due giorni. Può anche essere congelata a -18°C, con la controindicazione che perde molto del suo sapore.

Curiosità
La trota è un alimento molto sano, ricco di sali minerali, con carne magra, molto digeribile e un buon tenore di proteine.
Inoltre è un pesce estremamente sensibile che vive solo in acque molto pulite.
In Italia, l'allevamento di trote vanta una tradizione secolare.

Tag Ricetta:

Ingrediente
Inserisci commento

Commenti:

Nessun commento.