Cerca
Ricette con Finocchi
Stampa questo contenuto

Finocchi

Cerca tutte le ricette con Finocchi

Grazie, riceverai una mail con le istruzioni per attivare il commento!
Se non ricevi il messaggio controlla anche tra la tua posta indesiderata, il messaggio potrebbe essere erroneamente considerato come spam.



Caratteristiche generali
I finocchi sono ortaggi appartenenti alla famiglia delle Ombrellifere, di cui si mangia il bulbo carnoso, chiamato “grumulo”. Dal colore bianco, tendente al verde chiaro, il grumulo è formato da guaine carnose che si sovrappongono una sull'altra in maniera compatta fino allo stelo. La base del finocchio può essere tondeggiante o allungata: il primo è denominato “maschio”, e si presta ad essere consumato crudo, mentre quello più allungato, chiamato “femmina”, è ottimo per le preparazioni che prevedono una cottura.
A livello alimentare, i finocchi sono apprezzati per il sapore rinfrescante, la consistenza croccante e le numerose proprietà organolettiche: ricchi di vitamine e sali minerali, poverissimi in calorie, i finocchi favoriscono la digestione e la diuresi.

Stagione
Gennaio, febbraio, marzo, dicembre.

Tipi/Varietà
Il finocchio può essere coltivato e selvatico:
Il finocchio selvatico cresce spontaneamente nelle aree mediterranee: è raccolto per lo stelo sottile, usato come pianta aromatica e per i semi, particolarmente profumati.
Il finocchio coltivato, o comune, è utilizzato, come abbiamo visto, per il grumulo. Può essere catalogato in due varietà, di cui fanno parte numerose sottospecie:
• Finocchio nostrale: coltivato nell'Italia centro-settentrionale, comprende il Bianco Dolce di Firenze, il finocchio di Bologna, il Romano, il finocchio di Lecce e quello di Chioggia.
• Finocchio grosso d'Italia: diffuso nell'Italia meridionale, comprende il Gigante di Napoli, il Grosso di Sicilia, il finocchio di Reggio Calabria, di Messina e di Palermo.

Uso in cucina
Il finocchio è utilizzato in numerose preparazioni e ricette:
• Crudo è servito come antipasto in pinzimonio, insieme con altre crudité, da intingere in un ottimo olio extravergine d'oliva emulsionato con sale e pepe. Tagliato a listarelle per arricchire insalate, è anche servito a fine pasto come digestivo e per sciacquarsi la bocca.
• Cotto è ottimo lessato e condito con olio e limone, o al gratin, con besciamella e formaggio.
Il finocchietto selvatico è usato come erba aromatica in molte ricette di carne o pesce. Con i semi si preparano anche pani, dolci e si insaporiscono infusi e vini.

Come pulire
Eliminate le foglie esterne, rovinate o ossidate. Sciacquate sotto l'acqua corrente, eliminando la “barbetta” verde, che può essere usata a scopo decorativo.

Guida all'acquisto
Scegliete i finocchi compatti e sodi, dal peso consistente rispetto al loro volume.
Come già accennato, scegliete quelli di forma allungata se prevedete una cottura, e di forma tonda se li volete consumare crudi.

Metodo di conservazione
I finocchi sono ortaggi resistenti che si conservano in frigorifero anche per una settimana, nel reparto della frutta e verdura.

Curiosità
Il termine “finocchio” è usato, sin dal Medioevo, in maniera dispregiativa per indicare i traditori o le streghe e, nel periodo della Santa Inquisizione, gli omosessuali: questi, infatti, erano bruciati sul rogo, aggiungendo semi e steli di finocchio selvatico per coprire l'odore di carne bruciata. Dire “oggi si brucia il finocchio” significava che ci sarebbe stata un'esecuzione. Questa espressione è tristemente usata anche oggi.

Tag Ricetta:

Ingrediente
Inserisci commento

Commenti:

Nessun commento.