Consigli sulle vivande contenenti il beta carotene

Consigli sulle vivande contenenti il beta carotene
L’estate trasmette sempre quell’irrefrenabile voglia di tintarella. Io stessa adoro farmi coccolare e baciare dal sole, ovviamente sempre con le dovute protezioni e nelle ore giuste. Non bisogna mai dimenticare che l’epidermide va protetta.
Oggi vi parlo del nesso tra abbronzatura e alimentazione. Proprio così. L’abbronzatura senza una corretta alimentazione tende a svanire in pochi giorni. Vi propongo al riguardo alcuni preziosi consigli alimentari, sani e naturali, per mantenere più a lungo possibile la tintarella.

Tra i cibi ci sono tantissimi piccoli alleati in grado di aiutare la nostra pelle ad aumentare l’intensità della propria abbronzatura. Integrando, sin da ora, la vostra dieta con questi cibi, al momento di andare in spiaggia potrete prendere una tintarella invidiabile! Occorre pertanto scegliere gli alimenti giusti e, non a caso, quelli dal colore rosso, giallo e arancione. In questi cibi si nasconde un pigmento vegetale il beta carotene che, precursore della vitamina A, possiede proprietà antiossidanti ed è il principale stimolatore della produzione di melanina, responsabile dell’ambita tintarella. Per tali motivi il beta carotene contribuisce a regalarci un colorito più scuro, inoltre rafforza le difese immunitarie e protegge il sistema cardiovascolare.
In generale il beta carotene abbonda nei vegetali gialli, arancioni e verdi come pesche, albicocche, angurie, broccoli, rucola e meloni. Tuttavia, tra gli alimenti a maggior contenuto di carotenoidi, il posto d'onore spetta alla carota. Basterà inserire nella vostra dieta 100 grammi di insalata di carote per intensificare il vostro colorito. Aggiungete alla dieta anche le albicocche, che hanno 500 milligrammi di vitamina A ogni 100 grammi, ma anche peperoni, ciliegie, cocomeri, meloni, pomodori e zucca.

Non solo i cibi ricchi di vitamina A sono preziosi alleati per un’abbronzatura intensa. Anche la vitamina C gioca un ruolo importante nella nostra dieta. Questa vitamina infatti alzerà le nostre barriere immunitarie e, essendo un ottimo antiossidante, combatterà anche l’invecchiamento della pelle, stressata dai raggi UVA. Integrando la vostra dieta con cibi antiossidanti (come frutti di bosco, arance, pompelmi, papaya e kiwi) contribuirete a mantenere la pelle giovane e abbronzata.

Infine dovrete cercare di scongiurare pericolosi eritemi e irritazioni cutanee, salvaguardando l’elasticità della pelle. Al riguardo nulla come i cibi ricchi di Omega 3 sono in grado di aiutarvi. Via libera al pesce, al salmone in particolare, all’avocado, alle noci, e ai salumi contenenti Omega 3, come Il Cotto Buono Rapini.

Combinate quindi questi alimenti amici per la tintarella, in modo da creare piatti semplici, gustosi e leggeri. Al riguardo i salumi Raspini si distinguono per la maggiore attenzione alla tematica della nutrizione senza sacrificare l’aspetto del gusto. Semplici accostamenti di Prosciutto Crudo di Parma Raspini e melone giallo o de L’Altra Bresaola con rucola e noci rappresentano ottime idee per affrontare le calde giornate.

Oggi vi propongo un centrifugato ricco di beta carotene:
Avrete bisogno di:
- 3 carote (circa 250 g)
- la polpa pulita di 1 pesca (100 g ca.)
- 2 polpe di albicocche (150 g)
- 100 g di melone sbucciato
- 100 g di polpa di mango
- 1 limone bio

Vediamo subito come si prepara!
Mettete tutti gli ingredienti ben puliti e sbucciati all’interno di una centrifuga, azionate per qualche secondo e il vostro centrifugato è pronto per essere gustato come spuntino. Versate quindi in un bicchiere e, se gradite, aggiungete qualche cubetto di ghiaccio.
Un centrifugato alternativo per fissare l’abbronzatura è quello a base di peperone, zucca, cachi e anche rucola.

Infine ricordatevi di bere sempre tantissima acqua per reintegrare i liquidi persi con la sudorazione e anche per mantenere la pelle ben idratata!

Dott.ssa Giovanna Mottola

Newsletter

Iscriviti alla newsletter Raspini! Tantissime ricette squisite
Sei già iscritto con questo indirizzo email.
Per accedere alla tua area riservata clicca qui.