Taralli al naspro

Ricetta Taralli al naspro
Vegetariano
Difficoltà:
difficoltà 3
Dosi: per 8 persone
Tempo: 60 minuti
Introduzione
Sono le tipiche ciambelle che non possono mancare a un Carnevale in Basilicata. Ma sono una tradizione anche in Campania, Puglia e Calabria. Questo è uno dei pochi dolci di Carnevale che anziché essere fritto viene cotto in forno.
Preparazione
Mettete in una terrina la farina, le uova, l’anice, un pizzico di sale e un pizzico di zucchero. Lavorate a lungo tutti gli ingredienti, fino a ottenere un impasto morbido.
Tagliate la pasta in tanti tocchetti e date loro la forma di una ciambella. Foderate la leccarda del forno con la carta forno, disponetevi le vostre ciambelline e cuocetele per 10 minuti a 180°C.
Mentre i taralli si raffreddano, scaldate in tegame abbastanza capiente lo zucchero con l’acqua. Mescolate finché non avrete una miscela caramellosa.
Spegnete il fuoco e incorporate la buccia grattugiata del limone e la metà del suo succo.
A questo punto passate i taralli nel naspro, rigirandoli per bene in modo che si ricoprano completamente.
Fate raffreddare: il naspro sarà diventato una glassa solida e consistente.
Accorgimenti
Questi dolcetti si mantengono per parecchi giorni se li conserverete in una scatola di latta con coperchio.
Idee e varianti
Potete guarnire i vostri taralli con sferette argentate di zucchero, confetti colorati, agrumi canditi, semi di anice.
Avete la facoltà di dare libero sfogo alla fantasia, in fin dei conti è Carnevale!

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?