Scottadito d'agnello al pesto di rucola

Scottadito d'agnello al pesto di rucola
Senza Glutine
Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 40 minuti
Introduzione
L'agnello alla scottadito è una specialità pasquale di origine laziale: una vera delizia per chi ama la carne di agnello. In realtà il piatto è molto semplice: si tratta di costolette profumate al rosmarino, cotte alla griglia e servite subito ben calde (da questo pare derivi il nome del piatto: i pastori laziali, nel mangiare con le mani le costolette caldissime, si scottavano le dita).
Per dare un tocco in più a questo classico piatto di carne, vi proponiamo di servirlo con uno squisito pesto di rucola: un accompagnamento profumato e particolare, oltre che facilissimo da preparare.
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Tamponate la polpa delle costolette con della carta assorbente, dopodiché ungetele bene con un'emulsione preparata mescolando olio extravergine, uno spicchio d'aglio finemente tritato, sale e rosmarino a piacere. Lasciatele così unte a riposare.

Nel frattempo preparate il pesto di rucola. Dopo aver lavato e asciugato la rucola, frullatela insieme al pecorino grattugiato, ai pinoli e ad uno spicchio d'aglio.
Una volta frullato il tutto, unite dell'olio, quanto basta per ottenere un composto dalla consistenza cremosa e fluida. Salate e pepate il pesto a piacere.

Ora passate alla cottura della carne. Scaldate una piastra (o anche una griglia) e solo quando sarà ben calda disponetevi le costolette: cuocetele a fiamma abbastanza vivace su entrambi i lati (3-4 minuti di cottura per lato dovrebbero bastare) fino a quando non saranno dorate (in superficie devono comparire le classiche "righe" scure).

Una volta pronte, salate e pepate a piacere le vostre costolette e servitele subito, ben calde, accompagnandole con il pesto di rucola.
Accorgimenti
Lasciate le costolette a temperatura ambiente per circa 30 minuti prima della cottura: se le grigliaste fredde di frigorifero, la piastra calda si raffredderebbe e quindi la carne non si cuocerebbe bene.

Durante la cottura non pungete mai le costolette con forchettoni o altri utensili del genere: ne fareste uscire i succhi interni e la carne perderebbe la sua tenerezza.
Idee e varianti
Se volete un pesto dal sapore più delicato usate del Parmigiano Reggiano al posto del pecorino. Oltre ai pinoli, potete aggiungere anche delle noci oppure delle mandorle.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?