Brasato di vitello

Brasato di vitello
Senza Glutine
Difficoltà:
difficoltà 3
Dosi: per 4 persone
Tempo: 150 minuti
Note: + 12 ore per marinare la carne
Introduzione
Piatto ricco della tradizione culinaria piemontese, è un must dei pranzi festivi invernali. La carne di vitello, macerata per almeno 12 ore in un vino rosso corposo, ne assume colore e sapore, per un secondo molto intenso, ma in grado di soddisfare tutti i palati.
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Lavate i gambi di sedano e le carote dopo averle pelate. Tagliate le due verdure a tocchi. Sbucciate la cipolla e l’aglio, riducendo la prima in fette non troppo sottili. Mettete il tutto in una ciotola capiente insieme al rametto di rosmarino, alle foglie di alloro e al pezzo di carne. Coprite con il vino e lasciate macerare per almeno 12 ore, meglio una notte intera, in un posto fresco.

Terminato il tempo della marinatura, sciogliete il burro in un tegame, unite l’olio e aggiungete la carne, dopo averla scolata bene. Fatela rosolare qualche minuto per parte, poi unite le verdure e le erbe aromatiche della marinatura. Salate, pepate e fatele ammorbidire.

Versate quindi anche il liquido in cui la carne ha preso gusto, abbassate il fuoco, chiudete la pentola con il coperchio e lasciate cuocere per 2 ore, trascorse le quali verificate che la carne sia cotta anche all’interno e poggiatela su un piatto da portata.

Con un mixer frullate le verdure per ottenere una salsa omogenea. Rimettetela sul fuoco, aggiungete il pezzo di carne e fate sobbollire per qualche minuto ancora.

Servite il brasato caldo, tagliato a fette e con la sua salsina di accompagnamento.
Accorgimenti
Aggiungete ancora un bicchiere di vino, che deve essere rosso e corposo, se vedete che durante la cottura la carne tende ad asciugare, ma non mescolate etichette diverse.
Idee e varianti
Potete accompagnare il brasato con un purè di patate, come da tradizione, o con un contorno di verdure al vapore, o ancora della polenta.

Se avanzate della carne, potete riutilizzarla per farcire degli agnolotti fatti in casa.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?