Fagioli al fiasco

Ricetta Fagioli al fiasco
Senza Glutine
Vegetariano
Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 310 minuti
Note: + 12 ore di ammollo dei fagioli
Introduzione
La brace, un fiasco e degli ottimi fagioli cannellini: ecco un piatto della tradizione toscana che vi farà fare un salto nel passato, quando, svuotato il fiasco di vino, lo si riempiva di fagioli e spezie e lo si faceva cuocere appeso sopra la brace!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Prima di iniziare la preparazione, ricordate che i fagioli devono stare in ammollo per almeno 12 ore in un recipiente con dell’acqua.

Trascorso questo tempo, scolate e risciacquate i fagioli con acqua fredda e poi introduceteli nel fiasco insieme alle foglie di salvia, allo spicchio d’aglio sbucciato e all’olio, infine salate, aggiungete del pepe nero in grani e aggiungete dell’acqua in modo da coprire i ¾ del fiasco e chiudetelo.

A questo punto cuocete i fagioli: se disponete di un camino, preparate la brace e posizionatevi sopra il fiasco (meglio se appena sospeso su di essa) e lasciate cuocere la preparazione per circa 3 ore; se invece non potete effettuare questo tipo di cottura, immergete il fiasco in una pentola con acqua, al fondo della quale dovete porre un canovaccio piegato più volte, e cuocete per circa 5 ore (aggiungendo dell’acqua nella pentola man mano che evaporerà).

A cottura ultimata, versate il contenuto in una zuppiera, salate ancora un po’, pepate e irrorate il tutto con un filo d’olio. Non vi resta che servire e gustare i vostri fagioli al fiasco caldi caldi!
Accorgimenti
Dopo l’ammollo, prima di risciacquare i fagioli, è bene eliminare quelli rimasti a galla in quanto risultano privi di validità nutrizionale.

Ovviamente il fiasco deve essere privo di paglia e durante la cottura deve poter respirare, quindi utilizzate un tappo di carta, di cotone o di stoffa, facendo attenzione che i lembi non siano troppo vicini alla brace o al fuoco.

Abbiate estrema cura nel prendere o toccare il fiasco alla fine della cottura, utilizzate delle presine umide e piuttosto spesse per non scottarvi.
Idee e varianti
Sarebbe un peccato apportare varianti a una pietanza così buona, la cui tradizione si tramanda ormai da secoli. Semmai accompagnatela con qualche fetta di pane toscano abbrustolito e un buon vino bianco, magari un Pitigliano Superiore.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?