Cerca
Sei in: Homepage / Ricette / Piatti Rustici / Focacce / Focaccia alla messinese
Focaccia alla messinese
Stampa questo contenuto

Focaccia alla messinese

Difficoltà: difficoltà 3
Dosi: per 4 persone
Tempo: 35 minuti
Note aggiuntive: + il tempo per la preparazione e la lievitazione della pasta per pizza

Grazie, riceverai una mail con le istruzioni per attivare il commento!
Se non ricevi il messaggio controlla anche tra la tua posta indesiderata, il messaggio potrebbe essere erroneamente considerato come spam.

La focaccia alla messinese è una ricetta tipica di questa città, profumata e golosa, con un sapore particolare grazie alla scarola.

Preparazione:
Preparate l’impasto per la pizza.
Pulite l’indivia eliminando le foglie esterne più dure e rovinate. Lavatela accuratamente e tagliatela grossolanamente.

Ungete una teglia con l’olio e disponetevi l’impasto lavorandolo con le mani, in modo da ottenere una focaccia bella alta. Praticate con le dita delle fossette e cospargete la focaccia con i pomodorini tagliati a metà, i filetti di acciuga tagliati a pezzetti, l’origano e un filo d’olio.
Completate con la scarola, distribuita su tutta la superficie.

Coprite accuratamente la teglia e fatela lievitare per 1 o 2 ore al riparo delle correnti.
Trascorso questo tempo, cuocete la focaccia in forno ben caldo a 200°C per circa 20 minuti. Sfornate e cospargete con la mozzarella tagliata a fettine. Rimettete la teglia in forno e completate la cottura per altri 10 minuti, in modo che la mozzarella si fonda bene.
Servite la focaccia ben calda.

Accorgimenti:
Potete comprare la pasta per la pizza già pronta in un negozio di alimenti freschi, o prepararla facilmente in casa con farina, acqua, lievito, un po’ d’olio, 1 cucchiaio di sale e uno di zucchero.
Per questa ricetta la pasta pronta già stesa non è adatta, in quanto la focaccia alla messinese deve risultare bella spessa.

Idee e Varianti:
Alcune ricette prevedono di sostituire la mozzarella con la tuma o la provola dei Nebrodi, un prodotto tipico della provincia di Messina dall’aspetto del caciocavallo e dal sapore che può variare dal piccantino al dolce.

Commenti:

Inviato da Gustissimo.it il 17/07/2013 alle 15:42

@gabriella e @silvia: le vostre segnalazioni sono esatte. Grazie mille, abbiamo corretto gli errori!

Inviato da silvia il 03/04/2013 alle 11:04

la scarola non si fa bollire ma si mette di crudo, le acciughe devono essere sotto sale e dissalata il formaggio e la tuma e non la mozzarella

Inviato da gabriella il 11/12/2010 alle 15:11

Sono messinese e vorrei solo dirvi che l'indivia non va assolutamente cotta ma lavata,sgocciolata( o meglio centrifugata ) e tagliata a pezzetti piccoli . Buon appetito!!!!!!