Cerca
 Ricetta Culurgiones
Stampa questo contenuto

Culurgiones

Difficoltà: difficoltà 3
Dosi: per 4 persone
Tempo: 80 minuti

Grazie, riceverai una mail con le istruzioni per attivare il commento!
Se non ricevi il messaggio controlla anche tra la tua posta indesiderata, il messaggio potrebbe essere erroneamente considerato come spam.

I culurgiones sono una pasta ripiena tipica della Sardegna, il cui ripieno molto morbido e avvolgente è caratterizzato da patate, menta e pecorino. Un gusto particolare e delizioso.

Preparazione:
Fate lessare le patate, con tutta la buccia, in una pentola piena d’acqua. Una volta cotte, pelatele, schiacciatele e lasciatele raffreddare in una terrina.
Disponete a fontana la farina setacciata, versatevi un po’ di acqua tiepida e un pizzico di sale.
Impastate finché otterrete un composto omogeneo ed elastico, aggiungendo acqua se ce ne fosse bisogno, poi trasferitelo in una ciotola capiente, coprite con della pellicola trasparente e lasciate lievitare per mezz’ora circa.

Tritate l’aglio e la cipolla, fateli soffriggere con lo strutto e, una volta che la cipolla sarà leggermente colorita, versate il tutto sulle patate schiacciate.
Aggiungete il pecorino grattugiato e la menta tritata. Amalgamate con cura questo composto.

Quando sarà trascorsa mezz’ora, riprendete la pasta e stendetela. Con l’aiuto di un coppa pasta ricavate dei cerchi, su ognuno dei quali disporrete un po’ di ripieno di patate; richiudete i cerchi a mezzaluna facendo uscire l’aria e sigillando con cura i bordi per non far uscire il ripieno in cottura.
Fate bollire dell’acqua, salatela e fatevi cuocere i culurgiones.
Quando vengono a galla, significa che sono pronti e che potete scolarli.

Accorgimenti:
I culurgiones vanno chiusi pizzicandoli con le dita, dando così loro il tipico motivo a spiga.
La ricetta originale prevedere l’utilizzo del fiscidu, un formaggio di capra in salamoia. Questo formaggio è però piuttosto difficile da trovare al di fuori della Sardegna quindi, in genere, al suo posto si usa il pecorino.

Idee e varianti:
Per un ripieno più delicato potete utilizzare lo scalogno al posto della cipolla.
Indispensabile finire il piatto con una spolverata molto abbondante di pecorino (fresco o stagionato a seconda dei gusti).
Inserisci commento

Commenti:

Nessun commento.