Cerca
Sei in: Homepage / Ricette / Secondi Piatti / Molluschi / Polpo e patate
Polpo e patate
Stampa questo contenuto

Polpo e patate

Difficoltà: difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 45 minuti
Note aggiuntive: + il tempo di raffreddamento del polpo nella sua acqua di cottura

Grazie, riceverai una mail con le istruzioni per attivare il commento!
Se non ricevi il messaggio controlla anche tra la tua posta indesiderata, il messaggio potrebbe essere erroneamente considerato come spam.

L’insalata di polpo e patate è un piatto tipico della cucina mediterranea. Dal sapore gustoso e raffinato, si gusta accompagnato da un vino bianco secco.

Preparazione:
Fatevi pulire dal pescivendolo un polpo e fatevelo sbattere bene.
Sciacquatelo sotto acqua corrente. Mettete in una pentola piena di acqua fredda la cipolla, la carota, una costa di sedano e le patate avvolte nei tentacoli del polpo. Aggiustate di sale.
Portate a bollore e fate cuocere per 40 minuti.

Dopo venti minuti cominciate a controllare la cottura delle patate; scolatele con una schiumarola quando sono al dente.
Fate raffreddare il polpo nella sua acqua di cottura.
Tagliate la costa di sedano che non avete utilizzato e i tentacoli a fettine e il resto del polpo a listarelle, riducete le patate a cubetti e mescolate delicatamente. Servite con un filo di olio a crudo e abbondante prezzemolo tritato.

Accorgimenti:
Per far sì che il polpo risulti tenero, è importante che sia ben sbattuto. In alternativa potete comprarne uno surgelato che durante la fase di scongelamento perd tutta l’acqua. Un’antica tradizione consiglia invece di mettere a bollire insieme al resto uno o due tappi di sughero ben lavati.

Idee e varianti:
Potete arricchire quest’insalata di polpo e patate con olive nere e fettine di limone.

Commenti:

Inviato da Gustissimo.it il 16/01/2014 alle 14:00

@Carmine: è vero, non serve a niente. In realtà, come abbiamo specificato, è semplicemente un’usanza che deriva dall’antica tradizione di vendere polpo lesso in strada: i polpi venivano legati con uno spago, a sua volta legato a un tappo. Poiché il tappo galleggia, i polpari riuscivano a prenderlo con la forchetta e tirare per estrarre il polpo senza dover immergere le braccia nell’acqua bollente per cercare i polpi. Negli anni è rimasto l'uso di tuffare un tappo nella pentola del polpo, ma non ha alcuna relazione con la sua morbidezza!

Inviato da Carmine il 11/01/2014 alle 13:33

Mettere i tappi di sughero nella bollitura del polpo è una "BUFALA" che non ha alcun valore.