Stracotto di fave e pasta (Pasta co’ maccu)

Ricetta Stracotto di fave e pasta
Vegetariano
Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 120 minuti
Note: + 12 ore di ammollo per le fave
Introduzione
Il macco o “maccu” è uno stracotto di fave secche schiacciate (appunto ammaccate) che, insieme alla pasta spezzata, formano una purea densa e gustosa. Rappresenta un piatto antico della cucina siciliana, tradizionalmente definito “cibo dei poveri”, ma ricchissimo dal punto di vista nutrizionale per l’apporto di proteine vegetali e carboidrati, essenziali per l’alimentazione dei contadini. La tradizione lega questo piatto alla festività di San Giuseppe.
Preparazione
Per prima cosa occorre lasciare le fave a bagno in acqua fredda per circa 12 ore.
Trascorso questo tempo, scolate e risciacquate.
Versate un po’ d’olio in una pentola abbastanza capiente e fate rosolare la cipolla dopo averla affettata. Aggiungete quindi il finocchietto e le fave. Aggiustate di sale e , dopo qualche minuto, giusto il tempo di farle insaporire, versate acqua fredda fino a coprire interamente le fave. Lasciate stufare per circa 2 ore a fuoco lento.
Girate di tanto in tanto, finché il macco non diventi purea (aiutatevi schiacciando con un cucchiaio di legno).

Nel frattempo prendete la pasta lunga, tipo spaghetti o tagliatelle, e sminuzzatela, così come da buona tradizione. Quando il macco sarà quasi pronto, unite la pasta, allungando con un po’ d’acqua calda. Proseguite fino a completamento.
Condite lo stracotto di fave e pasta con olio crudo e pepe nero appena macinato.
Accorgimenti
Se durante le 2 ore di cottura vi accorgeste che il macco è troppo denso, stemperate con acqua calda.
Per un risultato ottimale, sarebbe utile stufare le fave in una pentola di coccio o comunque a fondo spesso.
Idee e varianti
La ricetta base conta essenzialmente fave, pasta, sale e olio, ma ciascuna località siciliana l’ha personalizzata con l’aggiunta di altri ingredienti, specialmente di erbette aromatiche di campagna (ma anche lardo tagliato a pezzi).
A Palermo si usa far raffreddare il macco per poi tagliarlo a fette e friggerlo così da consumarlo a mo’ di panelle.
A una pietanza così completa e gustosa non occorre aggiungere altro. Tuttavia, per il bene del vostro palato, vi suggeriamo una “leggera” idea saporita: una spolverata di caciocavallo grattugiato prima di servire.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?