Risotto con moscardini

Risotto con moscardini
Senza Glutine
Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 50 minuti
Introduzione
Il risotto ai moscardini è un primo piatto raffinato, ma in definitiva molto semplice: il segreto per prepararlo bene è saper esaltare il sapore delicato dei moscardini senza metterlo in ombra con ingredienti superflui. Basta un buon soffritto con olio, aglio e alloro e pochi altri semplici ingredienti: i moscardini, veri protagonisti di questo piatto, faranno il resto e il risultato sarà eccezionale!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Preparate i moscardini: puliteli per bene avendo cura di togliere occhi, interiora e becco, dopodiché lavateli e asciugateli.

In un tegame preparate un buon soffritto con olio d'oliva, uno spicchio d'aglio e una foglia di alloro. Versatevi quindi i moscardini e sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco. Coprite e fate cuocere per circa 10-12 minuti a fuoco basso.

Nel frattempo preparate il risotto: tritate lo scalogno e uno spicchio d'aglio e soffriggeteli in un tegame con un po' d'olio. Aggiungetevi anche un rametto di origano fresco per aromatizzare il tutto. Fate quindi tostare il riso in questo soffritto, tenendo la fiamma leggermente alta. Aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco e fatelo evaporare. Cuocete per circa 8 minuti, unendo poco alla volta il brodo di pesce (ovviamente il brodo dev'essere ben caldo). Passati otto minuti aggiungete i moscardini, mescolate bene e continuate la cottura per altri 7 minuti circa.

Aggiustate di sale e di pepe, mantecate con una noce di burro e unite una spolverata di prezzemolo. Spegnete il fuoco e lasciate il risotto a riposare per altri tre minuti prima di servire.
Accorgimenti
Quando soffriggete i moscardini ricordatevi di non togliere mai il coperchio e di tenere la fiamma bassa: in questo modo non si induriranno. L'ideale sarebbe coprire il tegame con la pellicola trasparente, anziché col coperchio: così i moscardini resteranno ancora più teneri.
Per questo piatto utilizzate moscardini rigorosamente freschi. Inoltre tenete presente che i moscardini migliori sono quelli piccoli: quelli grandi sono infatti più duri e più difficili da cucinare.
Idee e varianti
Per una bella presentazione del risotto decoratelo con quattro cozze aperte ai lati del piatto e un rametto di prezzemolo fresco al centro.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?