Cerca
Sei in: Homepage / Scuola di Cucina / Preparazioni Base / Conserve / Aglio sott'olio
Aglio sott’olio
Stampa questo contenuto

Aglio sott'olio

Difficoltà: difficoltà 1
Dosi: per 6 persone
Tempo: 30 minuti
Note aggiuntive: + 5 giorni per il riposo
L'aglio sott'olio è una ricetta molto antica. Un tempo, infatti, il sott'olio era l'unico modo per consentire la lunga conservazione della verdura. Trovare in dispensa un vasetto di questo ortaggio conservato sott’olio può rivelarsi molto utile. Allora, cosa state aspettando? Seguite la nostra ricetta e preparatelo a casa per utilizzarlo quando più desiderate!

Preparazione:
Pulite gli spicchi d’aglio e fateli cuocere in una pentola con il sale, 500 millilitri di acqua e 500 millilitri di aceto per circa 5 minuti, dopodiché scolateli e asciugateli con un panno da cucina.

Mettete gli spicchi d’aglio in 3 vasetti, intramezzando gli strati con qualche foglia di alloro e qualche pezzettino di peperoncino. Versate abbondante olio di oliva, sino all’orlo dei vasetti, dopodiché chiudeteli con i rispettivi coperchi e metteteli a testa in giù per 10 minuti, in modo che si crei il sottovuoto. Attendete almeno 5 giorni prima di consumare l’aglio.

Accorgimenti:
Fate riposare l’aglio in un posto buio e fresco, in modo che tutti gli ingredienti possano assorbirsi e non vi sia la possibilità che fonti di calore improvvise facciano scoppiare i vasetti.

Idee e varianti:
Per una preparazione meno forte, potete sostituire il peperoncino con qualche grano di pepe rosa.

Commenti:

Inviato da Gustissimo.it il 13/06/2014 alle 09:15

Ciao Denise, devi tamponare bene gli spicchi d'aglio in modo da rimuovere l'eccesso di acqua prima di metterli nei vasetti.

Inviato da denise il 11/06/2014 alle 14:42

domandona, ma.... l'aglio dev'essere asciutto o lo lascio solo qualche minuto e poi lo metto nei vasetti? Non succede che fermenti se non lo faccio asciugare bene dalla cottura?

Inviato da Gustissimo.it il 11/12/2013 alle 17:24

Ciao Marilena.
Noi consigliamo di usare solo aglio fresco!

Inviato da MARILENA il 08/11/2013 alle 13:10

VOLEVO SAPERE SE è NECESSRIO USARE AGLIO GRESCO, NOVELLO O AGLIO "SECCO" COME QUELLO CHE SI RECUPARE ORA... GRAZIE