Giardiniera sott'aceto

Giardiniera sott'aceto
Senza Glutine
Vegetariano
Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 2 kg
Tempo: 40 minuti
Introduzione
La giardiniera sott'aceto preparata in casa vi consente di scegliere le vostre verdure preferite e di controllarne la freschezza e la qualità.
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Lavatele verdure, mondatele e tagliatele a fiammiferi.

Mettete sul fuoco mezzo litro d’acqua con l’aceto, il sale, lo zucchero e le foglie di alloro e portate a ebollizione, quindi aggiungete le verdure che hanno bisogno di un tempo di cottura più lungo (carote, fagiolini…) e fatele cuocere per 10 minuti, dopodiché unite le altre verdure e portate tutto nuovamente a cottura. Infine scolatele e fatele asciugare per un’intera notte su panni puliti, conservando il liquido di cottura.

Quando le verdure sono ben asciutte invasatele nei barattoli e copritele con il liquido di cottura filtrato. Chiudete ermeticamente e i barattoli e sterilizzateli facendoli bollire completamente coperti d’acqua e avvolti in un panno per evitare che si rompano urtandosi.

Fate raffreddare i vasetti a testa in giù e conservateli in un luogo fresco e asciutto. Attendete almeno un mese prima di consumare la vostra giardiniera sott’aceto.
Accorgimenti
Scegliete le verdure che più amate calcolando all’incirca 250 grammi per tipo. Consigliamo peperoni di diversi colori, fagiolini, cipolle, carote e sedano, ma potete variare seguendo il vostro gusto e la disponibilità della stagione.
Idee e varianti
Potete utilizzare la giardiniera sott’aceto come antipasto insieme a formaggi saporiti o come contorno di grigliate di carne.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?