Come affettare e tritare la cipolla

Come affettare e tritare la cipolla
Introduzione
Le cipolle sono l’ingrediente base di ogni cucina perché arricchiscono ed esaltano il sapore dei cibi. Nella tradizione italiana, il classico soffritto non esisterebbe se non ci fosse la cipolla. A parte le cipolline sott’olio, che sono intere, in cucina si è soliti tagliare a fette o tritare le cipolle.
Affettare la cipolla
Dopo aver acquistato delle cipolle sode, senza germogli o macchie sulla buccia, potete procedere con il taglio o con la conservazione. Per il secondo caso, dovete riporre le cipolle in un luogo fresco, buio e asciutto, evitando anche di lasciarle ammucchiate nel sacchetto.
Se invece state per metter su un bel soffritto, allora proseguite nella lettura!
Avrete bisogno di un tagliere e di un coltello a lama liscia… e di un consiglio per evitare di piangere appena affonderete il coltello nel cuore della cipolla.
A dire il vero ce ne sono tantissimi, ma io vi suggerisco quello che uso, con ottimi risultati: immergete la cipolla in un bicchiere pieno di acqua per 15 minuti prima dell’utilizzo.

Tagliate quindi le due estremità della cipolla e la radice, rimuovete la buccia e la prima tunica (il primo strato) e dividete a metà il bulbo. Potrebbe essere anche necessario che vi sbarazziate del secondo strato, nel caso in cui fosse molle e propenso all’asportazione. Ora poggiate la parte piana di una delle due metà sul tagliere e affettatela, aiutandovi con le dita (il medio o l’indice), che dovranno servirvi per regolare lo spessore delle fette. Muovete il dito verso sinistra (o destra se siete mancini) per permettere al coltello di tagliare la cipolla. Per avere delle fette fine, spostate il dito di circa 1 o 2 mm, mentre se le desiderate più spesse, considerate 3 o 4 mm.
Per svolgere un’operazione rapida e professionale non dovreste sollevare di troppo il manico del coltello e la sua punta dovrebbe restare sempre nella stessa posizione.
Tritare la cipolla
Il procedimento per tritare la cipolla comprende preliminarmente anche il taglio a fette longitudinali, che però, per questo particolare scopo, non si devono separare. Eseguite un ulteriore taglio in orizzontale e successivamente, in modo alternato, applicate tagli in senso perpendicolare rispetto a quello appena fatto. Continuate fino a che non otterrete dei dadini dalle dimensioni desiderate.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?