Come pulire la sogliola

Come pulire la sogliola
Introduzione
La sogliola, insieme alla platessa, è uno dei pesci piatti più consumati e apprezzati. Dalla caratteristica forma sottile e dal sapore delicato, la sogliola è di colore bruno da un lato e di colore bianco dall'altro. Presente nel nostro mar Mediterraneo, nell'Atlantico, nel mar Nero e nel mar Baltico, questo pesce è particolarmente indicato per chi deve seguire una dieta povera di grassi, perché è povero di colesterolo e ricco di acidi grassi essenziali insaturi, così come di vitamina PP e sali minerali. Pulirla e spellarla, poi, è quasi un gioco da ragazzi. Ecco tutti i semplici passaggi da seguire!
La pulizia della sogliola
Prima di tutto private la sogliola delle sue pinne, utilizzando una forbice da cucina: togliete prima le pinne laterali, poi quelle del ventre.

Una volta eliminate le pinne, procedete con la spellatura: fate un'incisione nella parte con la pelle scura, appena sopra la coda. Tenendo la sogliola ferma per la coda, tirate la pelle sollevandola nel punto in cui avete praticato l'incisione. Tirando energicamente e in modo deciso verso la testa, la pelle dovrebbe venire via molto facilmente con uno strappo solo, perché la carne della sogliola è piuttosto soda. Tuttavia, visto che la pelle è anche abbastanza scivolosa, se vi può essere d'aiuto fermate la presa con un canovaccio o un panno da cucina.
Ripetete quindi la stessa operazione per tirare via anche la pelle bianca dall’altro lato.

Ora, per completare la pulizia della sogliola, non vi resta che eviscerarla: tagliatela sul ventre (senza però andare troppo in profondità per non correre il rischio di rompere le interiora) proprio sotto la testa: con le dita tirate fuori il sacchetto delle viscere. Utilizzando le forbici tagliate quindi le branchie poste alla base della testa. A questo punto è indispensabile sciacquare bene la sogliola sotto un getto d'acqua corrente fredda, in modo da ripulirla da eventuali tracce di sangue.

L'ultimo passaggio è la sfilettatura: rimettete la sogliola sul tagliere (ben pulito) e con un apposito coltello per sfilettare fate un'incisione che dalla testa vada fino alla coda, per poi proseguire all'interno, verso la spina centrale: tagliando in questo modo otterrete il primo filetto. Per ottenere il secondo filetto ripetete la medesima operazione dall'altra parte. La sfilettatura è piuttosto semplice: state solo attenti a non lasciare troppa carne attaccata alla lisca.
I vostri filetti di sogliola sono ora pronti da cucinare!
Qualche consiglio in più
Per pulire la sogliola in modo accurato e per sfilettarla bene è auspicabile avere i seguenti utensili:
  • Forbici da cucina
  • Coltello per sfilettare
Nel caso in cui vogliate che la sogliola resti con la pelle (ad esempio, perché volete cuocerla alla brace o alla griglia), dovrete necessariamente squamarla. Per farlo, sarebbe meglio utilizzare l'apposito squamatore: con questo utensile le squame verranno via molto facilmente. Se non disponete dello squamatore, potete sempre utilizzare un coltello da cucina, usandolo dalla parte opposta alla lama.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?