Concentrazione

Metodi di conservazione - La concentrazione dei cibi
La concentrazione è una tecnica di conservazione dei cibi che consiste nella riduzione parziale dell’acqua presente negli alimenti liquidi o particolarmente ricchi di acqua, senza raggiungere la completa disidratazione.
la concentrazione da sola non garantisce una maggiore conservabilità dell’alimento, e per questo motivo è associata ad altre forme di conservazione, come la sterilizzazione o la pastorizzazione.
La concentrazione dei cibi ne diminuisce il peso e l’ingombro, rendendo più economico il trasporto e lo stoccaggio, con una buona manutenzione delle caratteristiche organolettiche dell’alimento.

Il metodo più diffuso è l’evaporazione, o concentrazione a caldo. Con questa tecnica l’alimento viene riscaldato per provocare un allontanamento dell’acqua tramite evaporazione controllata a temperature inferiori ai 100°C.
A livello industriale la concentrazione per evaporazione può essere effettuata sotto vuoto, consentendo di abbassare la temperatura ai 40°-50°C.
Lo svantaggio di questa tecnica è la perdita di aroma da parte dell’alimento.
E’ utilizzata in particolar modo per succhi di frutta e conserve di pomodoro.

Per trattare alimenti termolabili, ovvero che perdono le proprie qualità se sottoposte all’azione del calore, si utilizza la crioconcentrazione, o concentrazione a freddo.
Questa tecnica consiste nell’allontanare l’acqua allo stato solido, sottoponendo gli alimenti a temperature molto basse. Rimuovendo il ghiaccio, la soluzione liquida restante diventa più concentrata. Questo processo può essere ripetuto più volte fino a ottenere il grado di concentrazione desiderato. Gli alimenti più trattati con la crioconcentrazione sono il vino, la birra, ma anche latte, the e succhi di frutta.

La tecnica che sembra mantenere meglio le caratteristiche degli alimenti è la concentrazione con processi a membrana.
Si tratta di un vero e proprio filtraggio attraverso membrane impermeabili che trattengono le particelle più grandi e lasciano passare l’acqua.
A seconda della grandezza dei pori della membrana si possono selezionare diversi tipi di molecole. Si parla quindi di filtrazione tradizionale, microfiltrazione e ultrafiltrazione.
Quest’ultima è utilizzata per chiarificare le uova, il vino, l’aceto ma anche per estrarre le proteine da alcuni alimenti nella produzione d’integratori alimentari.
Infine l’ultrafiltrazione è utilizzata nel trattamento del latte per la produzione di yogurt.
la concentrazione tramite membrana è utilizzata anche in ambito casalingo nella purificazione dell’acqua: sono proprio le membrane impermeabili che trattengono impurità e minerali per ottenere acqua potabile o addirittura distillata.

Uno dei prodotti concentrati più diffuso nelle nostre cucine è quello di pomodoro, che può presentarsi a diversi rapporti di concentrazione del succo, precedentemente estratto eliminando bucce e semi. Il latte concentrato è chiamato evaporato o condensato ( quando c’è aggiunta di zucchero). In entrambi i casi il latte viene pastorizzato prima della concentrazione.
Un altro concentrato molto utilizzato in cucina è il brodo, spesso chiamato estratto di carne, di pesce o vegetale. Se addizionato di sale, glutammato e aromi, si ottiene il famoso dado da brodo, più concentrato ma anche più grasso.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa c'è nel frigo? Scopri come cucinarlo!