Come cuocere le verdure in pastella

Come cuocere le verdure in pastella
Le verdure sono per antonomasia il simbolo della leggerezza a tavola e quindi vengono spesso snobbate da chi ama i sapori forti, senza sapere che le verdure fritte con la pastella sono davvero speciali e gustose, e senza dubbio pesanti e ricche di grassi, proprio come le cose buone!

Per cuocere le verdure in pastella non serve niente di trascendentale, le operazioni richieste sono semplicissime: magari per alcune di esse, come le zucchine, potrebbe essere necessario scolare per un’oretta sotto sale l’acqua di vegetazione, per evitare che vengano troppo morbide e non rendano croccante la frittura.

Poi bisogna realizzare la pastella, in diversi modi, a seconda di come si preferisce la frittura. La classica pastella si prepara solo con acqua, sale e farina, ma l’uovo (solitamente gli albumi montati a neve, che danno una consistenza spumosa) è una variante molto apprezzata, così come il mezzo bicchiere di birra o l’acqua gassata al posto di quella normale. Alcune ricette aggiungono anche un pizzico lievito, che però potrebbe risultare pesante.
La cosa migliore da fare è provare la pastella realizzata nei diversi modi e scegliere quella più gradita, che sicuramente non rispecchierà nessuna ricetta letta, ma verrà personalizzata secondo il proprio gusto. Per la pastella è così!

È importante, comunque, che la pastella sia ben solida, densa, e non liquida, perché comunque le verdure sono solite rilasciare acqua, che andrà quindi a diluire di per sé la pastella.
Questo è il caso specifico delle zucchine, le verdure più propense a un tale comportamento.
Anche i fiori di zucca sono molto popolari se fritti in pastella, nella tipica e deliziosa combinazione con alici (o prosciutto cotto) e mozzarella.
Dalla’antica tradizione greca troviamo le melanzane fritte in una classica pastella e poi degustate insieme alla famosa salsa tzatziki.

Il consiglio
Ci sono alcune cose utili da sapere riguardo la cottura delle verdure in pastella: prima di friggerle, sbollentatele in modo rapido se sono molto solide, così si ammorbidiranno rapidamente mentre la pastella comincia ad assumere la sua doratura.
La pastella, inoltre, deve essere preparata con un anticipo di almeno un’ora, così che abbia un minimo di tempo a disposizione per riposare.
La frittura deve avvenire preferibilmente in una padella di ferro profonda e contenete una quantità di olio sufficiente a coprire le verdure immerse. Affondate un pezzo alla volta ed estraetelo, appena la pastella è dorata, con un cucchiaio forato, senza infilzarle con forchette o coltelli.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?