L'orto di giugno: semina e lavori

L'orto di giugno: semina e lavori
Coltivare l'orto a giugno è particolarmente piacevole: le temperature sono gradevoli e il caldo, almeno nella prima metà del mese, non è eccessivo. Tuttavia il lavoro è abbastanza impegnativo: sono tante le cose da fare, dalle semine ai trapianti, fino ai lavori di mantenimento dell'orto.
La semina: cosa seminare a giugno
Giugno è anzitutto periodo di semina di diversi ortaggi. In questo mese si possono seminare:
  • Ortaggi: peperoni, melanzane, zucchine, fagiolini, carote (varietà tardive), bieta, barbabietole, broccoli, cavoli e cavolini di Bruxelles, cardi, cetrioli, cipolle, cicoria, lattuga e indivia, rucola, pomodori, piselli, porri, ravanelli, rape, zucche, sedano, scarola. A cavallo tra giugno e luglio potete inoltre dedicarvi anche alla semina del finocchio
  • Erbe aromatiche: prezzemolo, camomilla, salvia e basilico
Consigli e indicazioni utili per la semina
A giugno le temperature si assestano e il clima è mite e gradevole. Questo permette di seminare la maggior parte delle colture direttamente sul terreno. Potete coltivare in semenzaio solo gli ortaggi che raccoglierete nel periodo autunnale (cavoli, porri, zucche, radicchio, sedano, finocchi..).
Per programmare le vostre semine, cercate di seguire il più possibile il calendario lunare, in modo da ottenere il massimo dal raccolto. Ecco qualche indicazione utile. Con la luna crescente è bene dedicarsi alla semina di piselli, fagioli, rucola, lattuga, broccoli, cetrioli e pomodori e alla raccolta delle erbe aromatiche. Inoltre, in questi giorni ci si può occupare del trapianto degli ortaggi coltivati in semenzaio. Il trapianto va fatto preferibilmente la sera, per evitare di esporre le radici alla luce solare.
Nel periodo di luna calante, dedicate più tempo ed energia alle annaffiature, alla potature delle piante e alla creazione/rafforzamento dei sostegni per le piante rampicanti (fagioli, piselli, pomodori...). Nei giorni di luna calante bisogna anche occuparsi della raccolta degli ortaggi e della semina in semenzaio di radicchio, porri, sedano, cavolo cappuccio autunnale, finocchi, bietole e scarola.
I lavori da fare
A giugno le temperature cominciano ad alzarsi: diventa quindi necessario proteggere alcune colture, soprattutto quelle appena trapiantate (ma anche alcune semine - in special modo gli ortaggi a foglia - hanno difficoltà a crescere se la temperatura supera i 20°C) da un'eccessiva esposizione ai raggi solari, che potrebbe seccarle e inaridirle.
Provvedete quindi a creare delle strutture che ombreggino e proteggano dal sole: teli ombreggianti, stuoie o cassette di legno capovolte e sollevate a circa 30 centimetri dalla terra con dei picchetti.... L'orto va irrigato con costanza, meglio se al momento del tramonto oppure nelle prime ore del mattino.
Occorre inoltre diserbare (per evitare che erbe infestanti, insetti e parassiti compromettano la crescita delle colture) e concimare le colture che si avvicinano al termine del loro ciclo vegetativo e quindi al momento di essere raccolte. Si tratta della cosiddetta concimazione di copertura, perché interessa il terreno in superficie e non in profondità. Piante come pomodori, zucche, cetrioli e fagioli vanno legate a dei tutori, se questo lavoro non è già stato fatto in precedenza.
Il raccolto
Durante il mese di giugno arrivano a maturazione diversi ortaggi: pomodori, zucchine, peperoni, asparagi, cetrioli, carote, fagioli, fagiolini, melanzane, lattuga, piselli, ravanelli, rucola. Se disponete di un frutteto, potrete raccogliere e gustare molti frutti deliziosi: pesche, fragole, albicocche, lamponi, mirtilli, ciliegie.
Giugno è anche il mese di raccolto di diversi tipi di piante balsamiche/erbe aromatiche: prezzemolo, basilico, timo, salvia, rosmarino, origano, maggiorana, menta, acetosella, erba cipollina.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?