Bloody Mary

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 1 persona
Tempo: 10 minuti
5.0 2
Introduzione
Vodka, succo di pomodoro, tabasco, salsa Worcester e succo di limone: sono questi gli ingredienti del Bloody Mary, di certo uno dei drink più popolari a base di vodka.
Piacevolmente speziato, fresco e dal tipico colore rosso sangue (conferito dalla presenza del succo di pomodoro: e da questo colore viene naturalmente il nome del drink), è un cocktail molto particolare che negli anni ha conosciuto tanto successo e dal quale sono nate anche diverse varianti.
Vediamo come preparare un Bloody Mary perfetto: fresco ed energizzante, questo drink è perfetto soprattutto da servire nelle ore del tardo pomeriggio-inizio sera.

Ingredienti

•½ limone• Limone •2 parti di vodka• Vodka •3 parti di succo di pomodoro• Succo di pomodoro •1 pizzico di sale• Sale •5 gocce di Tabasco• Tabasco •6 gocce di salsa Worcester• Salsa Worcester •1 pizzico di pepe nero• Pepe •Cubetti di ghiaccio• Ghiaccio
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Per preparare il vostro Bloody Mary, iniziate spremendo il succo del mezzo limone, per poi filtrarlo attraverso un colino.

Prendete quindi lo shaker e mettetevi dentro alcuni cubetti di ghiaccio: versate la vodka, il succo di pomodoro, il succo filtrato del limone, il sale, le gocce di tabasco e quelle di salsa Worcester. Agitate bene per 10 secondi, lasciate riposare un attimo, dopodiché riprendete ad agitare, ma più lentamente.

A questo punto versate nel bicchiere highball e spolverizzate di pepe: il cocktail Bloody Mary è pronto da servire!
Consigli
Servite il Bloody Mary in un bicchiere highball, decorandolo con un gambo di sedano tagliato a listarelle sottili: questa è la presentazione classica del drink, ma se vi piacciono le decorazioni un po' originali sappiate che con questo cocktail potete essere abbastanza fantasiosi. Infatti il Bloody Mary viene spesso servito con guarnizioni particolari, perché si tratta del tipico cocktail da abbinare a qualcosa da stuzzicare (come piattini di formaggi e affettati misti).
Provate quindi a servirlo con qualche stuzzichino (uova di quaglia, cubetti di formaggio, tocchetti di verdure, cipolline, etc.) tagliato a tocchetti e infilzato in uno stuzzicadenti lungo, da mettere direttamente nel bicchiere. Negli Stati Uniti non è inusuale guarnire il drink addirittura con fette di bacon croccante!

Se lo sorseggiate a tavola, consigliamo di abbinarlo a piatti corposi e ricchi di gusto, come gli arrosti o la carne rossa alla griglia. La freschezza del drink sarà il completamento ideale di pietanze di questo genere.
Idee e varianti
Come abbiamo accennato nell'introduzione, la ricetta del Bloody Mary ha subito nel corso degli anni diverse rivisitazioni. Esiste ad esempio un variante che prevede di sostituire la vodka con il gin: il Bloody Mary con gin viene generalmente chiamato Bloody Margareth. Seguite la ricetta principale, utilizzando però un gin di buona qualità al posto della vodka; per il resto gli ingredienti sono gli stessi.

Ma quella con il gin non è affatto l'unica variante! Si possono preparare davvero tante versioni diverse del classico Bloody Mary sostituendo la vodka con whiskey americano o irlandese, con Tequila o rum, con birra messicana e addirittura con il sakè! A voi la scelta!

Ci sono poi tutte le varianti che, anziché cambiare la parte alcolica come abbiamo appena visto, vanno a togliere il succo di pomodoro sostituendolo con un altro ingrediente analcolico. Ad esempio, si può mettere il brodo di carne invece del succo di pomodoro (un'ulteriore variante nata a New Orleans prevede invece l'aggiunta sia del succo di pomodoro che del brodo di carne). Oppure del succo di verdure: è il caso del Bloody Eight, che si prepara con il succo di 8 verdure, al posto del succo di pomodoro. C'è anche una variante (chiamata Bloodless Mary) che elimina semplicemente il pomodoro senza mettere nient'altro in sua sostituzione.

Un'altra ricetta molto nota è quella ideata in Canada nel 1969, presso l'Owl's Nest bar di Calgary. In occasione dell'apertura di un nuovo ristorante, il barman Walter Chell ideò una versione del drink con tutti gli ingredienti della ricetta originale più una componente molto originale: vongole frullate, da mischiare al succo di pomodoro. Può sembrare strano, ma questa variante ebbe successo, tanto che già l'anno seguente - dietro la supervisione del barman che inventò questa originale variante - venne messo in commercio un brodo di vongole già pronto, pensato appositamente per preparare il cocktail.

E, per finire, non dimentichiamo la variante analcolica: il Bloody Mary analcolico è fresco e dissetante, perfetto per l'estate. Per prepararlo potete seguire la ricetta originale, semplicemente eliminando la vodka (questa versione si chiama Virgin Mary). Alla variante analcolica potete aggiungere, se volete, anche qualche goccia di succo di arancia (in realtà tale aggiunta non stona nemmeno sulla ricetta classica con la vodka).
Per saperne di più
Scopriamo qualcosa sulle origini del Bloody Mary: questo drink venne inventato con ogni probabilità all'Harris Bar di Parigi, nel 1920. Il nome dell'estroso e fantasioso barista che lo inventò era Ferdinand Petiot.
Petiot decise di chiamare il drink Bloody Mary in onore della sovrana d'Inghilterra Mary Stuart di Scozia, il cui soprannome era appunto "Bloody" (ovvero "sanguinaria") poiché fece giustiziare circa 300 suoi oppositori religiosi.

Sapete che in passato, poco dopo la sua nascita, il Bloody Mary era considerato il tipico drink da bere per riprendersi dopo un'ubriacatura? Vista la presenza del succo di pomodoro e delle spezie, si pensava infatti che avesse proprietà ricostituenti ed energizzanti e che per questo aiutasse a superare più velocemente i fastidiosi postumi di una sbornia.
Commenti
2 commenti inseriti
Inviato da Gustissimo.it il 19/04/2018 alle 11:47
Grazie Victoria per aver condiviso con noi la tua ricetta :-D
Inviato da Victoria il 18/04/2018 alle 17:15
Conosco anche un'altra ricetta più semplice: Vodka, salsa di pomodoro, ghiaccio. Volendo si aggiunge tabasco o il sale o tutti e due)

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?