Coniglio arrosto

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 70 minuti
Note: + 30 minuti di marinatura
Introduzione
Quella del coniglio arrosto è una ricetta che fa parte da sempre della tradizione gastronomica italiana: un grande classico che richiama alla mente l'immagine di famiglie numerose riunite intorno al tavolo del pranzo della domenica.
Diffuso soprattutto nelle regioni del Nord, si tratta di un piatto semplice e gustoso: perfetto da servire per un pranzo speciale (ma anche per le occasioni più informali), è facile da realizzare, ma richiede una cottura abbastanza lunga per ottenere una carne morbida. Se cotta come si deve, infatti, la carne di coniglio resta molto tenera e saporita, pur essendo magra e facilmente digeribile come tutte le carni bianche.
Il coniglio arrosto si può preparare al forno o in padella: con entrambi i metodi di cottura viene molto buono, purché si seguano alcuni accorgimenti. Di seguito vi proponiamo la ricetta al forno, con tutte le indicazioni per una perfetta riuscita del piatto!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Prima di procedere con la cottura del coniglio arrosto, è consigliabile immergere i pezzi di carne in abbondante acqua e aceto, che avrete precedentemente versato e mischiato in un contenitore dalle dimensioni adatte. Tenete la carne così in ammollo per circa 30 minuti.

Una volta trascorso questo lasso di tempo, prelevate la carne dall'ammollo, sciacquatela con acqua fresca e asciugatela bene. Ora rosolatela velocemente in padella. Sbucciate uno spicchio d'aglio, schiacciatelo lasciandolo intero e mettetelo ad imbiondire in un tegame in cui avrete prima scaldato qualche cucchiaio d'olio. Unite anche qualche rametto di rosmarino e fate dorare i pezzi di coniglio a fiamma piuttosto alta per qualche minuto, sfumandoli con il vino e girandoli per farli rosolare bene da entrambe le parti. Spegnete quindi il fuoco e tenete da parte.

Ora preparate la teglia in cui andrete a cuocere il coniglio. Cospargetela con abbondante olio extravergine di oliva e adagiatevi i pezzi di coniglio, prelevandoli dalla padella in cui li avete rosolati con una pinza, onde evitare di scottarvi. Preparate quindi il condimento del coniglio: sciacquate qualche foglia di salvia e spezzettatela grossolanamente (se preferite potete anche lasciare le foglie intere): sciacquate velocemente anche qualche rametto di rosmarino.

Ricoprite quindi il coniglio con gli aromi, dopodiché irroratelo d'olio. Per finire conditelo con sale e pepe.

Ora che il coniglio è ben aromatizzato e condito, potete infornarlo in forno preriscaldato a 180°C: fatelo cuocere per circa 40-50 minuti (dipende dalla grandezza dei pezzi: se sono piccoli può bastare anche una mezz'ora di cottura. Altrimenti ci vorrà sicuramente di più). Durante la cottura controllatelo spesso, giratelo di tanto in tanto e aggiungete un po' di brodo, se notate che la carne e il fondo di cottura si stanno asciugando troppo.

Servite il vostro coniglio arrosto al forno ben caldo accompagnandolo con un contorno a piacere!
Accorgimenti
Tenere il coniglio a bagno in acqua e aceto è un piccolo accorgimento che consente di stemperare il sapore di selvaggina. E non tutti gradiscono il tipico gusto della selvaggina: se temete che i vostri ospiti possano non apprezzarlo, per sicurezza procedete con l'ammollo prima della cottura. In questo modo sarete sicuri che il coniglio arrosto soddisferà tutti i commensali. In caso contrario, è un passaggio in più che potete anche saltare.

Vi consigliamo invece di non saltare il passaggio della rosolatura in padella: darà alla carne un gusto maggiore.
Idee e varianti
La ricetta del coniglio arrosto trova il suo perfetto completamento in un bel contorno di patate: l'abbinamento coniglio/patate è un vero classico. Per un risultato ottimale potete sbucciare e tagliare le patate a pezzetti il più possibile di uguale dimensione, condirle con olio, sale e pepe e cuocerle in forno insieme ai pezzi di coniglio, nella stessa pirofila. Per ottenere un contorno più ricco, alle patate potete aggiungere anche dei pomodorini.

Un ottimo contorno è rappresentato anche dai carciofi (da soli o insieme alle patate): con il loro sapore delicato, i carciofi si sposano benissimo con tanti piatti di carne. E il coniglio arrosto non fa eccezione!

Se volete rendere la carne ancora più profumata e gustosa, potete aggiungere anche delle spezie "esotiche" come paprica, cumino o curry. Altrimenti, degli aromi più comuni, come indicato in questa ricetta.
Prova anche la cottura in padella!
Oltre che in forno, c'è un'altra modalità di cottura molto indicata per il coniglio: quella in padella. Se volete, quindi, potete anche cuocere il vostro coniglio arrosto in padella.

Noi vi consigliamo di provare entrambi i tipi di cottura e di scegliere quindi quello che preferite! Spesso il coniglio cotto in padella viene chiamato arrosto morto di coniglio, semplicemente per evidenziare il fatto che la cottura avviene in padella e non in forno. Non fatevi ingannare dal nome, comunque: anche cotto in padella è ottimo. Una delle preparazioni più gustose del coniglio in padella è senza dubbio quella alla cacciatora, fra le più classiche e deliziose ricette della nonna! Si prepara cuocendo i pezzi di coniglio in padella insieme ai pomodori tagliati a pezzi, in modo da ottenere una salsa densa di accompagnamento alla carne. Prima di aggiungere il pomodoro bisogna però rosolare bene i pezzi di carne in un soffritto di cipolla, aglio e aromi. Cliccate qui per leggere la ricetta completa.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?