Filetto al pepe verde

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 15 minuti
5.0 2
Introduzione
Piatto veloce da preparare, ma piuttosto sofisticato e ricercato, il filetto al pepe verde permette sempre di fare bella figura quando si hanno ospiti a cena. Grazie al gusto rotondo che si sposa ad un certa raffinatezza, è un secondo classico che non passa mai di moda.
La ricetta del filetto al pepe verde viene solitamente realizzata con l'aggiunta della panna (e un poco di senape) per ottenere una cremosa e gustosa salsina con cui servire la carne: ed è proprio questa la preparazione che vi riportiamo di seguito.
Scoprite come cucinare un filetto al pepe verde perfetto con la ricetta di Gustissimo!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Iniziate la preparazione della ricetta del filetto al pepe verde tamponando delicatamente le fette di carne con della carta assorbente. A questo punto pressate con un pesta carne un cucchiaio di grani di pepe (se non avete il batticarne usate semplicemente un cucchiaio). Dopo averli schiacciati, premeteli sopra le fette di filetto, in modo da insaporirle bene.

In una padella sciogliete una noce di burro: fatevi quindi scottare rapidamente i filetti da entrambi i lati. Per girarli usate una pinza, senza bucarli con la forchetta: la carne non va bucata perché così perderebbe i succhi interni.
Una volta rosolati, toglieteli dalla padella e conservateli al caldo.

Nel sughetto rimasto in padella aggiungete gli altri ingredienti: il brandy, la senape, la panna, il resto dei grani di pepe verde e un pizzico di sale. Mescolate e fate addensare il composto, cuocendo a fuoco moderato.

Riponete nuovamente i filetti in padella e cuoceteli per il tempo necessario a seconda di come li volete ottenere: se preferite un filetto al sangue, cuocetelo solo per 1 minuto e mezzo nella salsa; se invece preferite una cottura media saranno necessari 4-5 minuti. Se lo volete ben cotto serviranno circa 7 minuti. Questi tempi di cottura sono comunque indicativi: si riferiscono ad un filetto di almeno 250 g di peso, per cui se state cucinando filetti più piccoli adattate i tempi in base alla loro grandezza e al loro spessore.

Una volta cotte al punto giusto, togliete le fette di carne dalla padella e impiattatele cospargendole con la loro salsa.

Il filetto al pepe verde va naturalmente servito e gustato subito, ben caldo. Buon appetito!
Accorgimenti
Se preferite un filetto al pepe verde dal gusto più delicato e meno intenso, unite i grani di pepe interi anziché pressati.

La fase più delicata di questa ricetta è quella della cottura: bisogna stare attenti a cuocere il filetto per il tempo necessario a seconda di come lo si preferisce, tenendo presente il peso e lo spessore delle fette. Per gustare al meglio la carne l'ideale sarebbe lasciarla al sangue, ma se non vi piace cuocetela di più, anche se consigliamo di tenere l'interno sempre un po' rosato.
Inoltre, per non sbagliare grado di cottura, sarebbe molto utile munirsi di una sonda da cucina per misurare la temperatura a cui è arrivata la carne. Tenete presente che per una cottura al sangue il cuore della carne non dovrebbe superare i 52°C, per una cottura media la temperatura ideale va da 54-55 a 58°C, mentre per una carne ben cotta l'intervallo è più ampio: si va orientativamente da un minimo di 58°C ad un massimo di 65°C.
Idee e varianti
Al posto del brandy potete utilizzare del vino bianco, del whisky o del cognac.

Volete servire un filetto al pepe verde semplice, senza aggiungere la panna? Sebbene la ricetta con la panna sia la più comune, è senz'altro possibile cuocere il filetto anche senza di essa. Ecco la ricetta: dopo aver tamponato il filetto con della carta da cucina, infarinatelo leggermente, ma in maniera uniforme. Sbucciate uno spicchio d'aglio, schiacciatelo e mettetelo a scaldare in padella con un poco di burro e qualche cucchiaio di olio. Unite anche un paio di rametti di timo (oppure un'altra erba aromatica a vostro piacere). Rosolate bene il filetto da entrambi i lati, dopodiché togliete sia l'aglio che il timo e irrorate con un po' di vino bianco. Schiacciate con un batticarne i grani di pepe e uniteli al filetto. Quando l'alcol del vino sarà evaporato, versate un paio di mestoli di brodo di carne ben caldo e fate cuocere il filetto a fuoco medio per il tempo necessario, a seconda di come lo preferite (per i tempi di cottura valgono quindi le stesse indicazioni che abbiamo riportato sopra). Una volta ultimata la cottura, servite subito il vostro filetto al pepe verde senza panna, accompagnandolo con il suo fondo di cottura.

Il filetto al pepe verde viene solitamente preparato utilizzando la carne di manzo: tuttavia, visto che il filetto di manzo ha un costo non proprio irrisorio, non tutti possono permetterselo spesso. Se cercate un'alternativa più economica, ma altrettanto gustosa, vi suggeriamo di orientarvi su un bel filetto di maiale al pepe verde: è molto saporito e costa meno della metà di quello di manzo!
L'unico inconveniente con il filetto di maiale è che non si può consumare al sangue: è preferibile servirlo ben cotto (per gli amanti della carne al sangue, quindi, non è l'ideale).

L'accompagnamento ideale per il filetto al pepe verde è ovviamente un buon vino rosso!
Commenti
2 commenti inseriti
Inviato da Gustissimo.it il 22/12/2014 alle 10:31
Ciao Antonio! :) La ricetta è la stessa, dovrai solo cambiare il tipo di carne. In tal caso ti consigliamo di acquistare delle bistecche di vitello da circa 200, massimo 220 grammi l’una. Per il resto puoi seguire i passaggi sopra esplicitati ;) La cottura della carne dipende dal tuo gusto: c’è chi la preferisce più cruda, chi più rosolata :)
Inviato da antonio il 20/12/2014 alle 14:13
desidero conoscere la ricetta per preparare un filetto di vitello al pepe verde riconoscente ringrazio antonio

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?