Castagnaccio casereccio dolce

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 1 teglia
Tempo: 50 minuti
Note: usate una teglia tonda del diametro di 24 cm
5.0 7
Introduzione
Se siete amanti delle castagne, il castagnaccio sarà per voi una tentazione irresistibile! Questo dolce di origine contadina – che ha alle spalle un'antica tradizione - si prepara infatti con la farina di castagne come ingrediente principale. La ricetta del castagnaccio viene dalla Toscana (ma la specialità è comune anche in molte altre regioni, dal Piemonte all'Emilia Romagna) e prevede la preparazione di un impasto piuttosto ricco e profumato, con noci, pinoli, uvetta e rosmarino.
Dal momento che vogliamo proporvi un dessert originale, abbiamo deciso di modificare leggermente la preparazione classica, proponendovi nella ricetta che segue una variante più casereccia senza l'uvetta, i pinoli e le noci.
Il risultato è un castagnaccio dal gusto più intenso e dalla consistenza più morbida e omogenea, essendo l'impasto privo di quel tocco di croccantezza dato dai pinoli e dalle noci.
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Iniziate la preparazione del vostro castagnaccio prima di tutto accendendo il forno per riscaldarlo bene.

Passate quindi alla realizzazione dell'impasto setacciando la farina e raccogliendola in una terrina piuttosto capiente. Unitevi quindi 6 cucchiai di olio d'oliva, lo zucchero semolato e un pizzico di sale. Aggiungete, versandola poco alla volta, l’acqua. Ora che avete unito tutti gli ingredienti, mescolateli bene con una spatola o una frusta, finché non avrete ottenuto una pastella dalla consistenza perfettamente omogenea.

L'impasto del dolce è pronto. Preparate quindi la teglia in cui andrete a cuocerlo: prima ungetela leggermente, dopodiché foderatela con della carta da forno. Versatevi il composto appena preparato, dando dei piccoli colpi con la mano sul fondo della teglia in modo la livellarlo perfettamente. Irrorate la superficie del dolce con l'olio d'oliva rimasto e per finire spolveratela con lo zucchero di canna, avendo cura di distribuire sia l'olio che lo zucchero in modo uniforme su tutta la superficie del dolce.

Infornate il castagnaccio nel forno già caldo a 190°C: fatelo cuocere per circa 30 minuti. Sarà pronto quando la superficie diventerà dorata e si formeranno delle piccole crepe.

Una volta sfornato, non gustatelo subito! Aspettate che il castagnaccio si intiepidisca almeno un po' prima di servirlo.
Accorgimenti
Come avrete notato, la preparazione di questo dolce è piuttosto semplice: perché riesca alla perfezione bisogna però stare attenti a mescolare molto bene quando si amalgamano tutti gli ingredienti, in modo che non si formino i grumi e la pastella rimanga omogenea. Inoltre è importante scegliere e utilizzare una farina di castagne di ottima qualità, possibilmente molto fine.

Per questa torta sarebbe meglio usare una teglia bassa: secondo l'usanza tradizionale dovrebbe inoltre essere di rame stagnato (naturalmente se ce l'avete in un altro materiale andrà bene lo stesso, la cosa più importante è che sia bassa).
Idee e varianti
La ricetta che vi abbiamo proposto è semplice e permette di ottenere un dolce ottimo, ma vi consigliamo di provare almeno una volta anche il castagnaccio tradizionale! Quantomeno per comparare le due versioni e scegliere quella che piace di più. Per seguire la ricetta classica, potete aggiungere i pinoli, l’uvetta e le noci alla preparazione: otterrete un impasto ancora più ricco e goloso.
Sempre nella ricetta classica, inoltre, il castagnaccio viene cosparso di rosmarino (il "ramerino", come lo chiamano in Toscana) prima di essere infornato. Cliccate qui per leggere la ricetta originale completa!

Visto che dalla Toscana la preparazione di questo dolce si è diffusa anche in parecchie altre regioni, è normale che esistano diverse varianti regionali. Si tratta solitamente solo di piccole modifiche apportate alla ricetta di base.
Una delle più comuni consiste nell'aggiungere del latte, così da ottenere una torta dalla consistenza più morbida.
Per preparare il castagnaccio al latte sono questi i passaggi da seguire: prima mischiate bene 500 g di farina di castagne con 100 g di zucchero e un cucchiaino di sale. Poco per volta versate anche 750 ml di latte e 750 ml di acqua, mescolando accuratamente con una frusta per evitare che si formino grumi (non unite altri liquidi finché i precedenti non si saranno perfettamente incorporati). Una volta ottenuto un composto ben amalgamato, unitevi anche un po' di olio d'oliva (circa mezzo bicchiere) e 100 g di uvetta precedentemente messa ad ammorbidire per una decina di minuti in acqua tiepida.
Disponete quindi il composto in una teglia ben unta d'olio, cospargendolo in superficie con dei pinoli e un po' di rosmarino. Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per circa 50 minuti.
Come prepararlo con il Bimby
La ricetta che vi abbiamo proposto si può realizzare ancora più facilmente con il Bimby!
Per preparare il vostro castagnaccio Bimby sarà sufficiente fare così: prima di tutto inserite nel boccale la farina di castagne e l'acqua e azionate il robot a velocità 7 per 30 secondi. Unite quindi l'olio, lo zucchero semolato e il sale e fate andare a velocità 2 per 20 secondi.
A questo punto l'impasto è pronto: non vi resta che proseguire come indicato sopra per la cottura in forno.
Inviato da Gustissimo.it il 20/01/2017 alle 10:16
Grazie Claudia! Alla prossima ricetta ;-)
Inviato da Claudia il 19/01/2017 alle 20:20
Ottima ricetta per concedersi ogni tanto un dolce non troppo calorico
Inviato da Gustissimo.it il 21/11/2016 alle 16:26
Ciao Mauro, grazie a voi! Continuate a seguire le nostre ricette! ;-)
Inviato da mauro il 19/11/2016 alle 13:14
Un parmigiano di Lione con nonna di Pontedera vi ringrazia !!
Inviato da Giusy il 10/11/2016 alle 08:56
Grazie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?