Cavolo riccio

Conoscete il cavolo riccio? Anche noto come kale (è questo il suo nome inglese) è una verdura particolarmente sana in quanto ricca di sostanze antiossidanti.
Tipico del periodo invernale, questo cavolo è anche un ingrediente molto versatile in quanto può essere usato con successo in svariate ricette gustose e ovviamente molto salutari.
Scopriamo allora quali sono tutte le caratteristiche e gli utilizzi di quest'ottima verdura a foglia larga!
Caratteristiche generali del cavolo riccio
Il kale o cavolo riccio è una varietà di cavolo che, ad un primo sguardo superficiale, si potrebbe scambiare per il cavolo nero: le due verdure, infatti, hanno un aspetto abbastanza simile.
Dalle foglie scure e arricciate, il kale ha un gusto leggermente amarognolo ed è ampiamente diffuso soprattutto negli USA, mentre da noi è un po' meno conosciuto in quanto nella nostra cucina si tende ad utilizzare maggiormente altre varietà di cavolo: ma ultimamente anche il cavolo riccio sta iniziando a farsi conoscere ed apprezzare per le sue tante proprietà benefiche (che vedremo fra poco).
Cavolo riccio: stagione
Il cavolo kale è di stagione nel periodo che va da novembre ad aprile: si tratta quindi di un ortaggio che prospera soprattutto con il freddo.
Proprietà nutrizionali del cavolo riccio
Arriviamo alla parte più interessante, ovvero alle proprietà nutrizionali di questa verdura, che viene non a torto considerata un vero e proprio supercibo. In effetti il cavolo riccio è un concentrato di nutrienti e sostanze dal potere antiossidante: è ricco di vitamine (nello specifico vitamina C, K e del gruppo B), di sali minerali (quali calcio, potassio, manganese, rame), di fibre, carotenoidi e quercetina, un flavonoide dalle ottime proprietà antiossidanti.
Rispetto ad altri alimenti, il cavolo riccio presenta un maggior numero (sia per quantità che per varietà) di sostanze antiossidanti. Questo gli permette di esplicare una serie di effetti positivi sull'organismo, a cominciare per l'appunto dall'azione antinfiammatoria e da quella contro i radicali liberi.
Inoltre consumare con regolarità questa verdura aiuta a regolare la pressione, a rendere più forti le difese immunitarie, a depurarsi e a mantenere in salute il sistema cardiovascolare. E tutti questi benefici con un apporto calorico davvero limitato: 100 g apportano soltanto 49 calorie!
Uso in cucina del cavolo riccio
Per godere al massimo di tutti i benefici del cavolo riccio, le ricette migliori sono quelle che prevedono di cuocerlo al vapore oppure di consumarlo crudo. Consigliamo invece di evitare di lessarlo, perché con questa modalità di cottura non solo rovinerete un po' la naturale croccantezza delle sue foglie, ma soprattutto andrete a perdere parte delle sue preziose sostanze nutritive.
Partiamo dalla modalità di consumo più classica di questo ingrediente, che spesso viene servito come contorno. In tal caso, potete cuocerlo al vapore per poi saltarlo brevemente in padella, con olio, aglio e un po' di peperoncino (se lo gradite). Al vapore bastano circa 6-7 minuti di cottura. E, se volete rendere il vostro contorno ancora più saporito e sfizioso potete unire anche dei cubetti di pancetta affumicata. Se invece preferite condirlo in modo un po' più "esotico", considerate che le spezie che meglio si sposano con questa verdura sono la curcuma e il curry.
Altrimenti, preparate una bella insalata fredda con il vostro cavolo riccio crudo e tagliato a listarelle piuttosto sottili, abbinandolo a carote e cipolle e condendo il tutto solo con olio extravergine d'oliva, succo di limone, sale e pepe.
Ma questo ingrediente può essere sfruttato anche per preparare degli ottimi primi (o secondi) sani, gustosi e disintossicanti. Ad esempio, per fare una ricca zuppa, (insieme a legumi e/o cereali), una torta salata ripiena o un condimento semplice per un piatto di pasta.
Come pulire il cavolo riccio
La pulizia è molto semplice: prima si staccano le foglie, per poi sciacquarle bene con acqua fresca e quindi asciugarle tamponandole con uno strofinaccio o della carta assorbente (le foglie vanno asciugate solo se volete conservarle in frigorifero, senza cucinarle subito). Per una pulizia maggiormente accurata, potete lasciare la verdura in ammollo per 5-10 minuti, per poi sciacquarla accuratamente con acqua fresca.
Consigliamo di pulire il vostro cavolo riccio subito dopo l'acquisto, anche se non volete consumarlo subito: riponendolo in frigorifero già pulito eviterete che lo sporco vada a fissarsi sulle foglie.
Guida all'acquisto del cavolo riccio
Sebbene sia, come abbiamo visto sopra, un ortaggio tipicamente invernale, il cavolo riccio si può in realtà trovare in qualsiasi periodo dell'anno (come ormai succede con molte verdure): se possibile, però, consigliamo di acquistarlo solo quando è di stagione, per godere al massimo di tutti i suoi benefici (la verdura e la frutta sono sempre più ricchi di nutrienti se arrivano a maturazione in maniera naturale).
Metodo di conservazione del cavolo riccio
Una volta pulito e asciugato come indicato sopra, questo cavolo può essere conservato in frigorifero (nella parte più fredda), riposto dentro dei sacchetti per alimenti dotati di chiusura ermetica: si mantiene per circa un paio di settimane.
Curiosità sul cavolo riccio
Il cavolo riccio riscuote molto successo soprattutto negli Stati Uniti: è parecchio amato da diverse celebrità salutiste e pare che anche Michelle Obama lo coltivasse nel suo orto. Ma gli americani non hanno scoperto nulla di nuovo: questa verdura infatti era già consumata dagli antichi Greci e dagli antichi Romani!

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?