Perché la fragola non è un frutto?

Grazie al suo delizioso sapore e al suo profumo invitante, la fragola è uno dei frutti più apprezzati: e non c'è dubbio che sia squisita, ma in realtà non è un frutto!
Questo non significa che d'ora in poi sia vietato utilizzarla come ingrediente di una bella macedonia, ma semplicemente che dal punto di vista botanico non è un frutto vero e proprio.
Continuate nella lettura per scoprire perché la fragola non è un frutto!
Perché la fragola è un falso frutto
In un frutto la parte che si accresce è solo quella dell'ovario (ovvero la parte che custodisce i semi della pianta). Nella fragola, invece, così come in altri “falsi frutti” (ad esempio mele, melagrana, fico, anguria...) ad accrescersi non è solo l'ovario, ma anche altre parti (spesso si tratta del ricettacolo, che è un'infiorescenza). E questo è proprio il caso della fragola: l'unica parte della fragola che possa definirsi davvero frutto sono i semini gialli in superficie (gli acheni). Ma la parte più buona, ovvero la polpa, è solo il ricettacolo aggregato dell'infiorescenza della pianta.
Ecco perché le fragole non sono un frutto! Anche se, da un punto di vista nutrizionale/gastronomico e non scientifico, sono e saranno sempre comunemente considerate dei frutti.
Altri esempi di falsi frutti
Come le fragole, anche altri frutti non sono possono essere classificati come tali a livello botanico. Ad esempio: la mela, la pera (sia nella mela che nella pera solo il torsolo è il vero e proprio frutto), il fico (nel fico il frutto sono i granelli della polpa, mentre la polpa è solo l’infiorescenza), la melagrana, il melone, l'anguria, l'ananas.
Qualche curiosità sulle fragole...
Anche se abbiamo scoperto che non sono un vero frutto, ciò non toglie che le fragole siano davvero molto salutari, oltre che deliziose e profumate.
Essendo ricche di vitamina C, magnesio, calcio, potassio e sostanze antiossidanti come i flavonoidi, fanno molto bene alla pelle (contrastano l'invecchiamento cutaneo), migliorano il metabolismo e favoriscono il dimagrimento, aiutano a controllare il livello di zuccheri presente nel sangue e fanno bene anche ai denti (perché contengono lo xilitolo)! I motivi per consumarle spesso non mancano di certo!
Le fragole erano già conosciute e apprezzate dagli antichi Romani, che erano solite chiamarle “fragrans” (per via del loro profumo) e consumarle in occasione delle feste in onore di Adone: secondo la leggenda, alla morte di Adone le lacrime di Venere, cadendo a terra, si erano tramutate in fragole.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?