Aglio in camicia

L'aglio è un ingrediente molto utilizzato nella cucina italiana e in quella internazionale, per preparare i soffritti e per insaporire e aromatizzare tante ricette diverse. E si può usare in vari modi: una delle possibili modalità di utilizzo è l'aglio in camicia. Ma cosa significa esattamente? Se vi chiedessero a bruciapelo cosa vuol dire usare uno spicchio d'aglio in camicia sapreste rispondere con assoluta sicurezza? Se siete dei cuochi provetti certamente sì, ma se non siete molto abituati a cucinare è probabile che facciate un po' di confusione. Leggete quindi il nostro articolo per saperne di più: vi spiegheremo tutto quello che c'è da sapere sull'argomento!
Cos'è
Vediamo quindi subito che significa aglio in camicia: si tratta molto semplicemente dell'aglio intero, utilizzato con la sua buccia. Per questo motivo viene anche chiamato "aglio vestito", perché lo si cucina insieme alla sua pellicina esterna.
Come si prepara
Ora che sappiamo cos'è l'aglio in camicia, vediamo come si prepara. La procedura è davvero molto semplice, ma per eseguirla correttamente bisogna seguire qualche piccolo accorgimento. Anzitutto servono un piccolo tagliere e un coltello. Prendete quindi lo spicchio d'aglio (dopo averlo estratto dalla testa d'aglio, quella che ha attaccati tutti gli spicchi: per estrarlo facilmente dovete praticare un piccolo taglio in alto, per poi eliminare la buccia superficiale e staccare quindi uno spicchio d'aglio).
Adesso ponete lo spicchio d'aglio sul tagliere e appoggiate la lama del coltello sopra di esso, tenendola in orizzontale. Premete quindi leggermente la lama sullo spicchio d'aglio e il procedimento è già terminato! Ecco pronto il vostro aglio in camicia, da usare per le ricette e le preparazioni che preferite.
In alternativa al coltello, potete semplicemente usare il palmo della vostra mano: utilizzate la mano soprattutto se non siete molto abituati a maneggiare i coltelli e avete paura di farvi male accidentalmente.
I vantaggi di questa modalità di utilizzo
Ora che abbiamo capito come si prepara, vediamo perchè si usa l'aglio in camicia: in altre parole, quali sono i vantaggi di questa modalità di utilizzo? Quando e perché è preferibile ricorrere all'aglio in camicia?
Tutti sappiamo che l'aglio rilascia nei piatti un aroma intenso: l'aroma e il gusto che sprigiona sono dovuti ad una particolare sostanza presente in questo ingrediente, ovvero l'allicina. Tuttavia l'allicina viene rilasciata in quantità diverse a seconda del modo in cui l'aglio viene impiegato nella ricetta. Quando viene utilizzato "vestito" – ovvero in camicia – disperde una quantità inferiore di allicina e quindi l'aroma che rilascia nella pietanza è meno intenso. Di conseguenza si ottengono dei piatti dal gusto più delicato e meno pungente.
Pertanto se vi state chiedendo se sia meglio usare l'aglio in camicia o no, la risposta è: dipende dai gusti. Ci sono persone alle quali non dà nessun fastidio sentire in modo più marcato il gusto dell'aglio. Altre, invece, preferiscono che il suo aroma si senta in maniera meno invasiva. In questo secondo caso, l'aglio in camicia è la soluzione perfetta, perché si sentirà appena.
E' questo il principale vantaggio che deriva dall'utilizzo dell'aglio in camicia: aromatizza i piatti in maniera delicata, senza appensatirli. Ed è anche più facile da digerire. In questo modo sarà possibile sfruttare tutti i benefici dell'aglio in cucina (stiamo infatti parlando di un ingrediente ricco di proprietà benefiche: contiene sali minerali e vitamine ed è un ottimo antibiotico naturale), però senza incorrere nel rischio di coprire il sapore degli altri alimenti.
L'aglio in camicia può essere usato per qualsiasi tipo di preparazione, ma è perfetto soprattutto per i piatti preparati con ingredienti dal gusto delicato (come sughi o piatti a base di pesce), proprio per evitare di coprirli.
Come usare l'aglio in altri modi
Oltre che in camicia, l'aglio può essere ovviamente usato anche in altri modi. Si può ad esempio utilizzare spellato, ovvero dopo averlo privato della sua pellicina esterna. In questo modo l'aroma sarà più intenso. Oppure, se si vuole renderlo meno pungente si può decidere di privarlo dell'anima: questo significa che l'aglio va prima tagliato a metà, per poi togliere il germoglio centrale (l'"anima", appunto).
Se invece si vuole profumare un piatto in maniera più marcata, allora si può optare per l'aglio spellato e quindi schiacciato: lo si priva della buccia per poi schiacciarlo con un coltello o con il palmo della mano.
Concludiamo con la modalità di utilizzo che permette all'aglio di disperdere nel piatto il suo aroma al massimo dell'intensità: si tratta di tagliarlo a fettine (naturalmente dopo averlo sbucciato) oppure di tritarlo. Se vi piace molto il gusto dell'aglio e non vi disturba che si senta in modo intenso, potete usarlo in questo modo per preparare un soffritto oppure per condire un piatto. Tritato o tagliato a fettine sottili, l'aglio non potrà più essere tolto durante la preparazione (cosa invece possibile con le altre modalità di utilizzo), ma sarà un ingrediente come tutti gli altri e diventerà parte integrante del piatto.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?