Vasocottura

La vasocottura è una particolare modalità di cottura che, come avrete sicuramente intuito dal suo nome, avviene direttamente dentro dei vasetti di vetro.
E' una tecnica semplice e anche veloce, che permette di ottenere cibi molto sani e che si può realizzare in tanti modi diversi (al microonde, a bagnomaria, etc.): se non ne avete mai sentito parlare o volete approfondire l'argomento continuate con la lettura!
Di seguito vi spiegheremo tutto quello che c'è da sapere sulla vasocottura, in modo che, se volete, possiate cimentarvi nella preparazione di tante ricette sfruttando questa tecnica culinaria.
Come funziona la tecnica della vasocottura
La vasocottura è una tecnica di cottura davvero semplice che prende ispirazione dalle conserve: gli ingredienti vengono disposti dentro dei vasi (vanno benissimo anche i classici barattoli della marmellata, purché il coperchio sia perfettamente integro), che vengono quindi chiusi ermeticamente. Nel caso si mettano più ingredienti in un solo barattolo, è necessario che abbiano tutti lo stesso tempo di cottura.
A questo punto si può procedere con la cottura. Il bello è che si può scegliere fra modalità diverse, perché la vaso cottura si può fare sia nel forno tradizionale che in quello a microonde, ma anche sul fornello.
Vediamo come procedere per ogni possibile opzione:
- Nel microonde: se si sceglie di usare il microonde allora bisognerà cuocere l'alimento posto dentro il vaso per circa 5-7 minuti, a 700-800 W. L'unica accortezza da seguire con questo tipo di forno è che bisogna usare esclusivamente dei vasetti e dei coperchi che vadano bene per il microonde (non tutti sono adatti, quindi assicuratevi che lo siano prima di infornarli).
- A bagnomaria sul fornello: se non avete il microonde o i vasetti di cui disponete non vanno bene per questo tipo di forno, potete optare per la vasocottura a bagnomaria sul fornello. Riempite quindi di acqua una pentola e disponetevi i vostri vasi, mettendo anche uno strofinaccio fra di essi (per evitare che possano sbattere l'uno contro l'altro): saranno necessari 10 minuti di cottura, più o meno (dipende anche dalla grandezza del taglio degli ingredienti).
- In forno ventilato (a bagnomaria): se preferite potete cuocere i vostri vasetti nel forno tradizionale ventilato, sempre a bagnomaria. Pertanto disponeteli dentro una teglia in cui avrete prima messo dell'acqua. La temperatura non dev'essere inferiore ai 60°C e non deve superare i 150°C. Il tempo di cottura è di un quarto d'ora, più o meno.

E per finire c'è anche un altro modo di cuocere gli alimenti in vasocottura ed è un modo un po' particolare! Si tratta di usare la lavastoviglie: è sufficiente riporre i vasetti dentro dei sacchetti che siano resistenti al calore e metterli nella lavastoviglie prima di iniziare un lavaggio. Avviate quindi un normale ciclo di lavaggio: il cibo si cuocerà grazie al calore che viene prodotto prima durante il lavaggio e successivamente durante l'asciugatura. Così si risparmia anche energia!
Quanto si conservano i cibi cotti in questo modo
Uno dei vantaggi (tutti gli altri li vedremo più avanti) della cottura in vaso di vetro è che, una volta pronto, il cibo si conserva a lungo: anche per due settimane!
Questa conservazione piuttosto lunga è dovuta al fatto che si crea un effetto sottovuoto mentre gli alimenti cuociono: affinché la cottura in vaso sottovuoto vada a buon fine, è però necessario utilizzare dei vasetti dotati di chiusura ermetica perfettamente funzionante.
Quali alimenti si possono cucinare
La cottura in vaso è indicata praticamente per qualsiasi tipo di alimento: carne (che resta molto tenera se cotta in questo modo), pesce, verdure, sughi e salse, creme.
C'è solo un ingrediente che non può essere cucinato con la vasocottura: sono i funghi, perché mentre cuociono tendono a diffondere delle tossine (che quindi resterebbero dentro il barattolo). Anche le patate vanno evitate per lo stesso motivo: tuttavia nel loro caso si può risolvere il problema facendole lessare prima di metterle nel vaso.
I vantaggi
La cottura in vasetti di vetro presenta diversi vantaggi: oltre alla lunga conservazione degli alimenti (come abbiamo visto prima), questa modalità di cottura consente di servire dei piatti molto nutrienti e saporiti (in quanto la gran parte delle sostanze nutritive dell'alimento rimane dentro il barattolo: a differenza di quanto avviene con altri metodi di cottura, nei quali la dispersione e quindi la perdita dei nutrienti è decisamente maggiore).
Un altro vantaggio è la praticità: la vaso cottura è una tecnica davvero alla portata di tutti, sia da un punto di vista economico (non richiede nessuna attrezzatura costosa, ma solo qualche vasetto) che da un punto di vista pratico (è molto semplice da realizzare). Potete anche cucinare gli alimenti in anticipo, quando avete tempo: riponete quindi i vasetti in frigorifero e, al momento di servirli, scaldateli pochi minuti. Molto semplice e comodo!
Un ultimo aspetto positivo da non sottovalutare è la presentazione: utilizzando dei barattoli carini non dovrete neanche trasferire il cibo nei piatti da portata. Potete portare in tavola i vostri manicaretti direttamente nei vasi, per una presentazione originale e molto gradevole!

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?