Spaghetti di riso

Caratteristiche generali degli spaghetti di riso
Gli spaghetti di riso sono parte intrinseca della tradizione culinaria dell'Asia, soprattutto nelle regioni orientali, dove sono le protagoniste di innumerevoli ricette. In realtà, l'attrazione per questo prodotto deriva dal fatto che sono fatti solo con farina di riso e acqua, non hanno glutine e hanno pochissimi grassi, colesterolo e sodio (ma essendo pasta, sono ricchi di carboidrati, il che costringe le persone diabetiche a consumarli con moderazione). Tuttavia, le virtù degli spaghetti di riso hanno raggiunto anche il nostro paese, dove sembra che siano stabiliti senza ombra di dubbio, anche nella nostra cucina, in quanto sono un prodotto sempre più consumato sulle nostre tavole e nei menu dei ristoranti.
Tipi/Varietà di spaghetti di riso
Gli spaghetti di riso si possono trovare in innumerevoli varietà con diverse forme, spessori e trame, e in versione fresca, congelata o essiccata.
Proprietà nutrizionali degli spaghetti di riso
Di fronte a un prodotto relativamente nuovo, sicuramente più di un lettore si chiede quale sia il suo patrimonio nutrizionale. Per chi non lo sapesse, gli spaghetti di riso contengono solo farina di riso e acqua, anche se è vero che, a volte, vengono aggiunti altri ingredienti come amido di mais o manioca. Questi ingredienti garantiscono l'assenza di glutine, essendo un'ottima opzione per i celiaci. E anche un contenuto calorico più moderato rispetto a quelli tradizionali.
 
Secondo i dati della Food Composition Base (USDA) degli Stati Uniti, gli spaghetti di riso calorie sono pari a 364 kcal per 100 g di prodotto, emergendo come un prodotto più adatto al consumo da parte di coloro che vogliono perdere chili o sono più impegnati in una dieta sana. Allo stesso modo, hanno un contributo quasi nullo di grassi, poiché raggiungono a malapena il grammo per porzione e sono poveri di colesterolo, quindi possono consumarli liberamente anche coloro che hanno un profilo lipidico alterato.

Tenendo conto che siamo comunque di fronte ad un formato di pasta, gli spaghetti di riso valori nutrizionali presentano un alto contributo in termini di carboidrati. In effetti, hanno un indice glicemico più alto rispetto alle versioni convenzionali, aumentando rapidamente i livelli di glucosio nel sangue, quindi le persone diabetiche dovrebbero moderarne significativamente il consumo.

Ma non essendo generosi in sodio, presentano un'opzione eccellente per coloro che soffrono di pressione alta. A cui si aggiunge un'interessante quantità di vitamine del gruppo B, in particolare B9 o folati, necessari per la produzione di DNA o divisione cellulare dell'organismo, e B3 o niacina, coinvolti nella conversione del cibo in energia o funzione cellulare. Dunque in assenza di particolari problemi di salute, il consumo abituale e moderato degli spaghetti di riso risulta sempre consigliato.
Uso in cucina degli spaghetti di riso
Traslucidi nell'aspetto e dal sapore delicato, gli spaghetti di riso offrono un mondo di possibilità in cucina, in quanto stanno emergendo come l'ingrediente ideale di stufati, fritture, zuppe, insalate e ripieni. Dobbiamo tenere presente che si tratta di un prodotto delicato e, quindi, per gli spaghetti di riso la cottura si riduce a tempi molto brevi, che vanno dai cinque ai dieci minuti, a seconda del loro spessore.

Se non sapete come cucinare spaghetti di riso, sicuramente dietro alla confezione ci saranno tutti i consigli del caso, ma in linea generale gli spaghetti più sottili possono essere lasciati in ammollo in acqua fredda per una decina di minuti e poi spadellati direttamente nel wok oppure essere immersi nell'acqua calda per 5 minuti; mentre gli spaghetti di riso più spessi, freschi oppure le tagliatelle, andranno cotti in acqua bollente per 5-10 minuti.

Una volta pronti, potrete poi utilizzare gli spaghetti di riso per creare gustosi primi piatti a base di verdure, carne o pesce spadellati nel wok e sfumati con la salsa di soia oppure utilizzarli nei ripieni di ravioli, involtini e panini al vapore in aggiunta agli altri ingredienti della ricetta.
Guida all’acquisto degli spaghetti di riso
Gli spaghetti di riso sono diventati un prodotto molto diffuso in qualunque catena di supermercati e dunque è molto semplice reperirli, soprattutto nella versione essiccata e molto sottile. Per le altre varietà più spesse oppure per quelli freschi, è possibile acquistarli nei negozi specializzati in prodotti asiatici oppure online.
Metodo di conservazione degli spaghetti di riso
Gli spaghetti di riso essiccati e chiusi nel loro sacchetto, si possono conservare in dispensa, lontano da fonti di calore o umidità, fino a 3-6 mesi. La versione fresca deve invece essere conservata in frigo e consumata entro 1 settimana, massimo 10 giorni.
Curiosità sugli spaghetti di riso
Gli spaghetti di riso nacquero in Cina, più precisamente durante la dinastia Qin, un periodo in cui i popoli del Nord occuparono il Sud. I nordici erano soliti mangiare tagliatelle di farina di frumento, il cui consumo era propiziato dalle condizioni del terreno adatto alla coltivazione di questo cereale. Tuttavia, nel suo nuovo luogo di residenza, queste condizioni erano ben diverse e non facilitavano la coltivazione di questo cereale, ma del riso. Così gli abitanti del sud, per essere in pace con i loro nuovi vicini, idearono i noodles di riso. Una grande invenzione culinaria che ha goduto rapidamente di una grande accettazione, che è rimasta invariata fino ad oggi.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?