Formaggio biologico

Caratteristiche generali
I formaggi bio si distinguono da quelli normalmente in commercio per due caratteristiche: l’utilizzo del latte biologico e le scelta di evitare conservanti e coloranti di sintesi. Sono quindi prodotti a partire da latte che proviene da mucche o capre allevate all’aperto almeno per parte della giornata e che si cibano di alimenti biologici che non contengono diserbanti, concimi, pesticidi e OGM. Questo garantisce che anche i formaggi siano liberi da sostanze potenzialmente nocive e regala un gusto più autentico e maggiore varietà di sapori.
Processo di produzione
I formaggi bio sono preparati a partire dal latte crudo, non pastorizzato, per mantenere intatto il sapore originario e quindi avere un prodotto finale mai standardizzato. Sono prodotti in caseifici di solito di piccole dimensioni, lontani dalle logiche della produzione industriale.
Perché bio
Sono tanti i vantaggi di scegliere prodotti certificati come bio: la maggiore varietà di gusti e sapori, più autentici rispetto a quelli dei formaggi confezionati e di produzione industriale, è uno dei principali, ma ci sono anche degli effetti positivi sulla salute. Innanzitutto è maggiore il contenuto di vitamine A ed E, che hanno un potere antiossidante. Questi formaggi sono ricchi poi di acidi grassi, come gli Omega 3, che riducono il rischio di contrarre allergie e contribuiscono a proteggere da patologie cardiovascolari.
Inoltre è vietata l’aggiunta di coloranti, salvo pochissime eccezioni regolamentate in modo stringente, conservanti e fosfati, che invece abbondano nelle produzioni industriali.
Infine, nei formaggi biologici è trascurabile la quantità di residui da pesticidi, dato che non sono utilizzati nella coltivazione dei terreni da pascolo, così come di farmaci: la crescita degli animali da latte non è forzata attraverso la somministrazione di ormoni e, salvo casi gravi, non sono soggetti a cicli periodici di antibatterici e antiparassitari.
Guida all’acquisto
Alcune catene della grande distribuzione non solo commercializzano formaggi biologici, di solito prodotti tipici e DOP come Parmigiano Reggiano, gorgonzola, mozzarella, taleggio, stracchino e formaggi freschi, ma spesso hanno delle linee proprie di alimenti da agricoltura bio che comprendono anche questa tipologia di cibi.
I canali di vendita privilegiati rimangono però i caseifici, sia direttamente presso l’azienda agricola, sia online. In questo caso la varietà è molto ampia, anche se bisogna considerare che ogni caseificio produce di norma poche tipologie di formaggio, legate alla tradizione casearia del territorio in cui si trova. Inoltre, è spesso possibile abbinare il momento dell’acquisto dei formaggi con una visita all’azienda agricola, per conoscere tutte le fasi di produzione.
Moltissime, infine, le iniziative di promozione e vendita dei latticini bio durante le fiere agricole, spesso in collaborazione con la Federbio o in occasione di eventi come BioCaseus, un premio internazionale che certifica i migliori formaggi bio dei caseifici italiani, ma anche di altri Paesi, soprattutto del bacino del Mediterraneo.
Curiosità
Buona parte delle aziende agricole che producono latticini e formaggi bio praticano l’allevamento secondo metodi antichi, promuovendo la transumanza degli animali, che sono quindi portati in pascoli ad alta quota durante la bella stagione.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?