Americano

Difficoltà:
difficoltà 1
Dosi: per 1 persona
Tempo: 5 minuti

Potrebbero interessarti anche:

Introduzione
Tu vuoi fare l'Americano, diceva una famosa canzone che faceva il verso alla passione degli italiani per tutto ciò che fosse rappresentativo della cultura e dello stile di vita statunitensi. E in effetti anche il drink del quale ci occupiamo in questa ricetta fa proprio il verso agli Stati Uniti: si tratta dell'Americano, cocktail inventato a Milano (per la precisione è stato inventato nel bar meneghino di Gaspare Campari) mescolando ingredienti italianissimi. Ovvero il Campari bitter (che è di origine milanese), il Vermouth rosso (vino rosso liquoroso nato a Torino) e un po' di soda a completare il tutto.
Forse vi starete chiedendo come mai, visto che gli ingredienti del cocktail Americano sono italiani, questo drink si chiami proprio così. Molto probabilmente il nome è dovuto all'intenzione di rendere omaggio al famoso pugile italiano Primo Carnera, il quale era soprannominato "l'Americano" per via della sua grande fama negli Stati Uniti, dove disputava parecchi incontri (in quegli anni gli Stati Uniti erano il paese della boxe). Sembra che il nome di questo drink nacque quando il grande pugile tornò in Italia subito dopo aver vinto il titolo di campione mondiale dei pesi massimi a New York, al Madison Square Garden.
La ricetta del cocktail Americano ha avuto molto successo nel corso degli anni: fra gli estimatori di questo drink dal gusto piacevolmente amarognolo vi erano anche parecchi divi del cinema.
Vi è venuta voglia di provare a farlo a casa? La buona notizia è che è davvero facile da preparare: seguite i nostri consigli e verrà perfetto!

Ingredienti

•1 parte di Vermouth rosso• Vermouth •1 parte di Bitter• Bitter •1 parte di Soda• Soda
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
La ricetta del cocktail Americano è molto semplice e non richiede una specifica attrezzatura da barman, in quanto avviene mischiando gli ingredienti direttamente dentro un bicchiere del tipo Old Fashioned.

Mettete quindi dentro il bicchiere dei cubetti di ghiaccio, dopodiché versate i tre ingredienti dell'Americano (che devono essere in parti uguali). Prima versate il Vermouth rosso e il Bitter Campari, dopodiché completate unendo anche la soda: miscelate delicatamente, ma accuratamente con un cucchiaio da cocktail.

Il vostro cocktail Americano è già pronto da servire!
Consigli
Per presentare come si deve il cocktail Americano, vi consigliamo di procurarvi un bicchiere Old Fashioned (del tipo tumbler basso), che è il tipico bicchiere in cui viene servito questo drink. Inoltre, potete anche decorarlo con un paio di fette di arancia o di limone, per richiamare la nota lievemente agrumata che lo contraddistingue.

Per ottenere un cocktail perfetto, è molto importante scegliere ingredienti di prima qualità: come Vermouth rosso, ad esempio, vi suggeriamo di utilizzare il Carpano Antica Formula.
Idee e varianti
Dalla gradazione alcolica di circa 16°C, il cocktail Americano ha un gusto un po' amarognolo e anche lievemente agrumato: se lo servite come aperitivo, accompagnatelo a sfiziose tartine e stuzzichini di vario genere. Se invece volete volete sorseggiarlo a cena, è particolarmente indicato da abbinare a piatti dal gusto deciso e intenso: ad esempio a piatti piccanti, a pietanze a base di carne oppure a base di pesce affumicato.

Entrato a far parte ufficialmente dei cocktail IBA, l'Americano classico si prepara rigorosamente con i tre ingredienti che abbiamo visto nella ricetta. Tuttavia una piccola e ammissibile modifica consiste nel sostituire il Vermouth con il Martini rosso. Inoltre, è anche possibile unire qualche goccia di Angostura e giusto un paio di gocce di Tabasco, nel caso si voglia rendere il cocktail più aromatico.

Da questo drink ne è poi nato un altro, che è diventato altrettanto famoso: il cocktail Negroni, che si prepara con Bitter Campari, Vermouth rosso e Gin. E dal Negroni deriva a sua volta il Negroni sbagliato (nato per una pura casualità, da un errore del barman Mirko Stocchetto del bar Basso di Milano): sebbene sia conosciuto alla maggior parte delle persone con questo nome, lo si può chiamare anche Americano sbagliato. Il cocktail Americano sbagliato è più leggero rispetto al Negroni classico e si prepara con Martini rosso, bitter Campari e spumante brut. Per ottenere un buon drink è importantissimo usare uno spumante di buona qualità. I tre ingredienti vanno miscelati delicatamente in parti uguali, dopo aver messo nel bicchiere qualche cubetto di ghiaccio. Esistono poi anche delle varianti di questa preparazione: alcune prevedono l'utilizzo del Vermouth rosso al posto del Martini; altre invece consentono l'aggiunta di poche gocce di angostura (in questo modo il drink risulta più aromatico e con un gusto più intenso e deciso).
Per saperne di più
Come avete letto, per la preparazione del cocktail Americano non serve lo shaker: i tre ingredienti vengono versati subito nel bicchiere in cui il drink verrà poi servito e consumato. Questo tipo di preparazione è detta "Build", ovvero "costruire" in inglese: infatti il drink si "costruisce" proprio versando e miscelando gli ingredienti direttamente nel bicchiere. Si tratta quindi di una modalità di preparazione molto semplice, alla portata anche dei meno esperti: non serve essere degli ottimi barman per realizzare un buon Americano. Basta procurarsi degli ingredienti di qualità e miscelarli bene e con calma, dopo aver raffreddato il bicchiere con il ghiaccio.

Potrebbero interessarti anche:

•Negroni• •Americano• •Negroni sbagliato•

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?