Cedro candito

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 8 persone
Tempo: 180 minuti
Note: +24 ore di asciugatura
Il cedro candito è una ricetta tradizionale e legata alla tradizione contadina del Sud Italia. Ricca di olii essenziali e molto aromatica, la scorza del cedro si presta benissimo per questa preparazione, conservando tutto il sapore e il profumo agrumato che la contraddistingue. Il cedro candito, ricetta semplice anche se un pochino lunga da realizzare, sarà perfetto come snack genuino preparato in casa e da consumare quando si ha voglia di qualcosa di dolce, ma sarà perfetto anche per arricchire gli impasti delle torte lievitate oppure diverse creme da farciture come l'iconica crema alla ricotta dei cannoli siciliani, della cassata o delle sfogliatelle napoletane. Come accennato la ricetta delle scorze di cedro candite è un pochino lunga, dunque dovrete organizzarvi bene con i tempi di preparazione, ma una volta assaggiati, vedrete che ne varrà la pena! Inoltre dopo la ricetta, vi suggeriremo anche un modo sfizioso e davvero irresistibile per servire i canditi di cedro: un passaggio semplice e veloce che accontenterà anche i palati dei più golosi, ne siamo certi! Dunque non perdiamo altro tempo e mettiamoci subito ai fornelli: oggi vediamo insieme come fare il cedro candito in casa!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana” .
Preparazione
Per preparare il cedro candito per prima cosa lavate bene i cedri biologici sotto un getto di acqua fredda, in modo da eliminare eventuali residui di polvere o terra. Dopodiché asciugateli e tagliateli in 4 spicchi, eliminate la polpa interna del frutto e anche quasi tutta la parte bianca e spugnosa, all'interno della buccia (lo spessore finale della scorza dovrà essere intorno ai 3 mm).

Trasferite le scorze in un pentolino, ricopritele con acqua fredda e portate il tutto ad ebollizione. Cuocete per 2 minuti, poi scolate e ripetete questa operazione altre tre volte, riempiendo sempre con acqua fredda, lasciando raggiungere il bollore e cuocendo per altri 2 minuti prima di scolare. Una volta che avrete ultimato il processo di bollitura, asciugate bene le scorze di cedro con un panno di cotone pulito e lasciatele riposare una mezz'ora a temperatura ambiente.

A questo punto trasferite le scorze di cedro nuovamente nel pentolino e aggiungere l'acqua e lo zucchero. Cuocete a fuoco dolce e rimestando spesso, fino a quando l'acqua sarà del tutto evaporata e le bucce risulteranno asciutte e caramellate. A questo punto prelevatele con una schiumarola e lasciatele raffreddare su una gratella ben distanziate tra loro.

Quando si saranno del tutto raffreddate, trasferitele su un foglio di carta forno e lasciatele asciugare per 24 ore, avendo l'accortezza di girarle dall'altro lato dopo 12 ore. Passata l'asciugatura, potrete tagliare il vostro cedro in cubetti o striscioline e gustarlo in tutta la sua bontà!

La ricetta del cedro candito sarà così terminata!
Accorgimenti
Per evitare il sapore amarognolo nei vostri canditi, la parte bianca e spugnosa della buccia dovrà essere rimossa quasi del tutto, anche perché l'assenza di questa, prolunga la corretta conservazione del cedro candito.

Vediamo ora insieme come conservare il cedro candito. Una volta che si sarà ben asciugato (dunque non dovrà essere più appiccicoso) potrete tagliarlo a piacere e conservarlo all'interno di un barattoli di vetro pulito, con tappo a chiusura ermetica, in dispensa lontano da fonti di luce, calore e soprattutto umidità. In questo modo il cedro candito può conservarsi anche per svariati mesi. In alternativa potrete anche surgelarlo, meglio se già tagliato a cubetti, e disponendolo su una leccarda ricoperta di carta forno senza accavallare i cubetti tra loro. Una volta che si sarà congelato, potrete conservarlo all'interno dei sacchetti gelo per ridurne l'ingombro. In questo modo potrete utilizzarlo aggiungendolo ad impasti e creme, porzionandolo a seconda della quantità che vi serve.
Idee e varianti
Se gradite una nota speziata nel cedro candito, potrete aggiungere all'acqua per la bollitura un pezzetto di radice di zenzero, una stecca di cannella, qualche chiodo di garofano oppure una bacca di vaniglia. Se poi amate un tocco alcolico nei canditi, potrete aggiungere un bicchierino scarso di Brandy, Rum, Marsala o Cognac allo sciroppo per caramellare. In cottura l'alcool evaporerà lasciando solo un gradevole aroma nelle scorze di cedro candito.

Una volta che il cedro candito sarà ben asciutto dopo le 24 ore di asciugatura, potrete preparare anche un goloso snack intingendolo nel cioccolato fondente. In questo caso dovrete tagliare le scorze di cedro candito a striscioline di circa 1 cm di spessore e intanto dovrete far sciogliere a Bagno Maria 100 g di cioccolato fondente (minimo al 90% perché il cedro risulterà già molto dolce). Una volta che il cioccolato sarà ben fuso e liscio, intingeteci le scorzette di cedro candito per metà o interamente, e mettetele ad asciugare su una gratella. Dopo una decina di minuti trasferitele poi in frigo, sempre al di sopra della gratella e lasciatele riposare per un'oretta. Se poi volete aggiungere un tocco croccante, potrete passare la parte intinta nel cioccolato fuso anche nella granella di nocciole o di pistacchi: sarà davvero irresistibile! Questo snack/dessert può essere servito a fine pasto, magari insieme a frutta fresca e frutta secca, e sarà perfetto soprattutto nel periodo natalizio.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?