Porridge

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 15 minuti
1.0 1
Introduzione
Tipica inglese, la ricetta del porridge si è, poco per volta, diffusa un po' in tutto il mondo, prendendo piede anche nel nostro paese. Si tratta di una zuppetta a base di fiocchi d'avena, solitamente consumata dagli inglesi per colazione. In effetti, grazie alla carica energetica e nutritiva assicurata dai fiocchi d'avena, dal latte e dallo zucchero (sono questi gli ingredienti di base della ricetta del porridge), questo piatto è proprio perfetto da gustare al mattino appena svegli, per iniziare la giornata facendo il pieno di energia, ma senza eccedere con le calorie!
Se volete variare un po' la vostra colazione all'italiana eliminando il solito cappuccino con brioche per puntare su qualcosa di più sano e nello stesso tempo energetico, il porridge all'avena potrebbe essere proprio quello che cercate. L'avena è infatti un alimento ricco di carboidrati a lento assorbimento, nonché di fibre e proteine: e ha anche un basso indice glicemico, per cui è perfetta per chi ha il diabete.
Scoprite come si prepara il porridge leggendo (e provando) la nostra ricetta!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
La ricetta del porridge è molto facile da seguire e non richiede molto tempo: potete quindi prepararlo senza problemi la mattina stessa appena alzati. Ci vorranno solo una decina di minuti in tutto.

Per prima cosa versate il latte in una casseruola: unitevi quindi i fiocchi d’avena e un pizzico di sale.

Ponete la casseruola sul fuoco, accendete il fornello e portate il composto a ebollizione, tenendo la fiamma non troppo alta. Dal momento in cui arriva ad ebollizione, fatelo cuocere per circa 6-7 minuti a fiamma bassissima, mescolando spesso con un cucchiaio di legno.

Ultimata la cottura (alla fine il latte dovrà essere in gran parte assorbito dall'avena), spegnete il fornello. A questo punto non vi resta che aggiungere lo zucchero e mescolare bene.

Consumate il vostro porridge a colazione, servendolo in una ciotola e gustandolo ancora caldo.
Accorgimenti
Come avrete visto leggendo la preparazione, la ricetta del porridge è talmente semplice che chiunque può prepararlo senza problemi. L'unico accorgimento da tenere presente riguarda la cottura dei fiocchi d'avena, che può essere regolata secondo i propri gusti personali. Il tempo che vi abbiamo indicato sopra, quindi, è abbastanza indicativo: potete prolungare la cottura di qualche altro minuto se necessario (ovvero se gradite una "zuppetta" di fiocchi d'avena più morbidi). O, viceversa, potete cuocere il porridge un pochino meno se preferite sentire la consistenza dei fiocchi leggermente più dura.

Se volete gustare un porridge ancora più sano e light, diminuite la quantità di zucchero. Inoltre, potete anche cuocerlo usando metà quantità di latte e metà di acqua.
Idee e varianti
La ricetta del porridge che avete letto è la preparazione di base che potete arricchire come volete, aggiungendo altri ingredienti per rendere la vostra colazione ancora più nutriente, golosa e sostanziosa. Qualche esempio? E' molto comune unire anche della frutta secca (mandorle, noci, nocciole..) o fresca (come banane, pere o mele tagliate a cubetti: potete aggiungerle alla fine oppure unirle in cottura), dell'uvetta, del miele o dello sciroppo d'acero, delle scagliette di cioccolato, etc.
Potete anche profumare il tutto con un po' di cannella, se volete ottenere un porridge delicatamente speziato. Insomma, la ricetta del porridge si può davvero personalizzare in un'infinità di modi!

Quando servite il porridge, l'ideale sarebbe accompagnarlo con un po’ di latte versato in un bricco a parte: in questo modo chi lo gradisce potrà aggiungerne dell'altro secondo i propri gusti personali.
Le varianti con acqua e yogurt
La ricetta più diffusa del porridge è quella che prevede l'impiego del latte, ma esistono anche altri due modi di preparare questa specialità inglese: con l'acqua e con lo yogurt.
Il porridge con acqua può essere una valida soluzione per chi è intollerante al lattosio (altrimenti si può sempre usare un latte vegetale o uno specifico latte delattosato). Il procedimento da seguire è sempre lo stesso: per cuocere i fiocchi d'avena, però, userete della semplice acqua al posto del latte!

Il porridge con yogurt, invece, è perfetto per chi desidera preparare la colazione ancora più velocemente saltando il passaggio della cottura. Dovrete semplicemente mischiare i fiocchi d'avena con uno yogurt di vostra scelta (comunque sarebbe da preferire quello bianco), lasciandoli in "ammollo" nello yogurt per un po', prima di gustarli. L'ideale sarebbe preparare il tutto la sera prima, in modo che il mattino la colazione sia pronta da gustare: dovrete solo dolcificare il porridge, aggiungere la frutta o altri ingredienti a piacere. Usando lo yogurt, otterrete un porridge dalla consistenza più asciutta (soprattutto se scegliete lo yogurt greco), mentre con il latte e con l'acqua verrà più simile ad una zuppa.
Un altro modo di preparare il porridge usando lo yogurt prevede invece la cottura e anche l'utilizzo del latte: cuocete i fiocchi d'avena nel latte (o nell'acqua) come spiegato nella ricetta principale, dopodiché trasferiteli in una ciotola da colazione, mettendovi sopra lo yogurt prescelto ed eventualmente altri ingredienti a piacere.
Commenti
3 commenti inseriti
Inviato da Gustissimo.it il 23/07/2013 alle 18:06
@alessandro: abbiamo dimenticato uno zero per strada... Grazie mille per la segnalazione. I vostri consigli sono indispensabili, grazie :)
Inviato da Alessandro il 20/06/2013 alle 12:17
Da quanto ho potuto leggere in giro sul web, il latte dovrebbe essere 750ml su 300g di avena.
Buon appetito!
Inviato da Alessandro il 20/06/2013 alle 11:02
Le proporzioni latte/avena sono errate, correggetele ;-)

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?