Fagioli rossi

Caratteristiche generali dei fagioli rossi
I fagioli rossi o fagioli kidney, sono una delle tante varietà di fagioli, distinti per forma e colore. Il loro nome particolare deriva dalla loro forma simile a un rene e sono rossi (nella maggior parte dei casi).
I fagioli rossi sono scientificamente conosciuti come Phaseolus vulgaris, un legume originario dell'America centrale. Ma i fagioli rossi con cosa si abbinano? Questi in genere si trovano più in piatti piccanti, e sono particolarmente popolari nelle regioni dell'India e in tutta l'America centrale. Questi fagioli sono anche una delle migliori fonti di proteine vegetali, al punto da essere considerati un superfood.
Inoltre, hanno un gusto gradevole che può essere adattato a un'ampia varietà di piatti, tra cui insalate, zuppe e stufati. Dunque scopriamo qualcosa in più su questi legumi e cosa fare con i fagioli rossi.
Fagioli rossi: stagione
Dopo la germinazione, a 50 giorni, la pianta inizia a produrre i fiori che lasceranno il posto ai baccelli, questi baccelli misureranno tra i 7,5 – 10 cm. Dopo 72 giorni i baccelli raggiungeranno completamente la loro maturità e la raccolta del fagiolo rosso può essere fatta solo dopo che il baccello è asciutto e la pianta matura completamente (90 giorni). Infine la raccolta finale sarà effettuata a 105 giorni dalla semina, in estate.
Tipi/Varietà di fagioli rossi
I fagioli rossi non presentano altre sotto-varietà, essendo loro stessi un tipo di fagiolo. Ma si possono classificare in base alla grandezza e al luogo di provenienza (India e America).
Proprietà nutrizionali dei fagioli rossi
Vediamo adesso i fagioli rossi cosa contengono. Questi sono legumi ad alto contenuto proteico, di fibre, a basso contenuto di grassi e senza colesterolo. Il loro gusto è abbastanza delicato e contengono isoflavoni e antociani. Pertanto, essendo antiossidanti, tra i fagioli rossi proprietà si annovera la riduzione dell'insorgenza delle malattie cardiache. Inoltre, fornendo meno zuccheri, possono essere consumati anche da una persona diabetica. Vediamo nel dettaglio il contenuto nutrizionale.

- Proteine. Solo una tazza di fagioli rossi cotti contiene circa 15 grammi di proteine vegetali.
- Carboidrati. Hanno un alto contenuto di carboidrati amidacei, in quanto sono il principale componente nutrizionale di questi legumi.
- Fibra. Sono una grande fonte di fibre, che sono molto favorevole per mantenere l'intestino e il colon in buona salute.
- Vitamine. Sono per lo più ricchi di vitamina B9 o acido folico, un componente naturale essenziale durante la gravidanza. Sono anche una buona fonte di vitamina K1 o fillochinone, che è molto importante per la coagulazione del sangue.
- Minerali. Sono una ricca fonte di molibdeno, ferro, rame, manganese, potassio e fosforo.
- Antiossidanti. Hanno principalmente isoflavoni, antociani, fitoemoagglutinina e acido fitico.
Questo ricco ed eccezionale valore nutrizionale fornisce ai fagioli rossi molti benefici che possono essere di grande aiuto per prevenire le malattie.
Uso in cucina dei fagioli rossi
I fagioli rossi sono ben noti e utilizzati in America centrale e nel Messico sud-occidentale. Ma come cucinare fagioli rossi? Il loro uso principale è in vari piatti come stufati, zuppe, ripieni, fritti, al forno o accompagnati con riso.
Una delle loro caratteristiche più note in termini di altre varietà di fagioli è che il loro tempo di maturazione è più lungo, ma il loro sapore è anche più caratteristico. Infatti anche gustati in insalata rappresentano un piatto, leggero, nutriente e saporito. Vediamo quindi come cuocere e come condire i fagioli rossi. Qualora siano secchi, dovrete lasciare i fagioli a mollo per una notte prima di cuocerli in acqua bollente, se invece saranno freschi, vi basterà eliminare il baccello e procedere con la cottura senza l'ammollo. Per quanto riguarda i fagioli in scatola, questi sono già cotti, quindi vanno semplicemente risciacquati e utilizzati nelle ricette. Potrete condire i fagioli rossi cotti con una semplice cinegrette a base di succo di limone, olio Evo e sale e arricchirla con del peperoncino fresco a rondelle e del coriandolo per profumarli. Saranno un ottimo contorno, facile e veloce da preparare!
Come pulire i fagioli rossi
I fagioli rossi secchi non necessitano di pulizia ma solo di ammollo. I fagioli in scatola invece vanno risciacquati accuratamente prima di utilizzarli nelle ricette. Infine i fagioli rossi freschi, vanno privati del baccello esterno, risciacquati e poi sbollentati in acqua, fino a cottura.
Guida all’acquisto dei fagioli rossi
Se acquistate fagioli rossi secchi assicuratevi che questi siano interi, senza crepe e soprattutto fori che potrebbero denotare un infestazione da insetti. Nel caso invece dei fagioli rossi freschi, assicuratevi che i baccelli siano lucidi, freschi, turgidi e privi di ammaccature o zone più scure.
Metodo di conservazione dei fagioli rossi
I fagioli rossi secchi possono essere conservati in un contenitore ermetico in dispensa, lontano da fonti di luce o calore per 6 mesi – 1 anno. I fagioli rossi freschi invece, vanno conservati in frigo, avvolti in un sacchetto di carta e consumati entro 2-3 giorni. Una volta cotti invece, i fagioli rossi possono essere conservati in frigo, dentro a un contenitore ermetico, per 2-3 giorni oppure surgelati e conservati per circa 2 mesi.
Curiosità sui fagioli rossi
La pasta di fagioli rossi o anche conosciuta come 'Anko' è una pasta dolce che è ampiamente usata nell'arte gastronomica asiatica. Ad esempio in Cina e in Giappone è comunemente usata come ripieno nei dessert. La procedura è simile a quella di una preparazione di una marmellata, ma la consistenza finale è più simile a una pasta densa e compatta, dal sapore delicato e non troppo dolce.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?