Mousse di castagne

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 300 minuti
Introduzione
La mousse di castagne è un dessert corposo e saporito ideale per gli amanti delle castagne. Preparate questa mousse come dessert da portare in tavola in una fredda sera autunnale, al termine di una cena a base di verdure di stagione, oppure gustate questo dolce durante le feste di Natale. In questa ricetta vi spiegheremo come preparare la mousse di castagne utilizzando le castagne secche, che si possono conservare per molto tempo e che quindi possono essere mangiate anche in altri periodi dell’anno.
Preparazione
Pianificate in anticipo la preparazione di questo dolce. Le castagne secche che sono l'ingrediente principale, a differenza delle castagne fresche, possono conservarsi per molto tempo, ma richiedono una speciale preparazione prima di essere utilizzate in cucina.
Il nostro consiglio è di metterle in ammollo per almeno una notte prima di cuocerle, per fare in modo che possano tornare a essere morbide e per prepararle alla cottura in pentola.

Successivamente, prendete le castagne e fatele bollire in una pentola piena di acqua, finché non si saranno ammorbidite del tutto. La cottura dovrebbe durare circa 2 ore-2 ore e mezza.

Se il tempo stringe ma volete comunque preparare la mousse di castagne, potete utilizzare in alternativa la pentola a pressione, che accorcia molto i tempi garantendo comunque ottimi risultati di cottura. Utilizzando la pentola a pressione e cuocendo a fuoco basso, calcolate 20-25 minuti di cottura dal momento in cui la pentola inizia a sibilare.

Controllate se le castagne sono sufficientemente tenere e se necessitano ancora di qualche minuto, potete completare la cottura anche senza il coperchio. Una volta che le castagne sono tenere e cotte, scolatele e fatele raffreddare in una piccola parte del brodo scuro-rossastro di cottura.

Quando si saranno raffreddate a sufficienza, mettete le castagne nel frullatore aggiungendo lo zucchero semolato, il cacao zuccherato e la panna fresca. Frullate il composto fino ad ottenere una crema liscia, omogenea e priva di grumi.

Versate la mousse di castagne così ottenuta in ciotoline monodose e riponetele in frigorifero per almeno due ore. Ricordatevi, prima di servirle a tavola, di guarnire le ciotoline con un po’ di cacao in polvere.
Accorgimenti
Quando dovrete lasciare le castagne secche in ammollo per tutte la notte, approfittate di questo passaggio per togliere le pellicine che eventualmente sono ancora presenti sulla superficie delle castagne; se necessario, potete aiutarvi con un coltellino.
Idee e varianti
Se volete scatenare la vostra vena creativa, sbizzarritevi con la guarnizione delle ciotoline da presentare a tavola! Utilizzate, oltre al cacao in polvere, anche chicchi di caffè, oppure granella di cioccolato bianco. Se vi piacciono le decorazioni leggere e impalpabili, utilizzate una spolverata di zucchero a velo.

Se volete aromatizzare le castagne, è possibile farlo durante la cottura; è sufficiente infatti aggiungere all’acqua della pentola un baccello di vaniglia, una scorza di limone o di arancia, alloro, rosmarino o anice stellato o un baccello di vaniglia.

Una variante della ricetta della mousse di castagne che utilizza ingredienti completamente diversi è la mousse di farina di castagne. Per farla dovete scaldare un litro di latte e intanto sbattete 4 tuorli d’uovo con 150 grammi di zucchero, incorporando il latte tiepido e mettendo il composto a scaldare a fuoco bassissimo.
Successivamente setacciate della farina di castagne e aggiungetela pian piano, finché il composto si addensa, continuando a mescolare ma senza portare a ebollizione. Lasciate raffreddare e aggiungete due albumi montati a neve, versando la mousse ottenuta in ciotoline monodose e lasciando raffreddare il tutto in frigorifero per almeno alcune ore.

Scarica la nostra app

Scarica le App di Gustissimo.it Scarica la App per iPhone Scarica la App per Android

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?