Crema di mandorle

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 15 minuti
Note: +3 ore di riposo in frigo
La crema di mandorle è un delizioso dessert al cucchiaio, facile e veloce da fare, che saprà conquistarvi con il suo sapore delicato e la consistenza vellutata. Quella che vedremo oggi è la crema di mandorle con ricetta siciliana, un dolce perfetto per concludere un menù a base di pesce, in modo leggero e sfizioso. Cremosa e delicata, questa crema di mandorle fatta in casa si trasformerà in un vero e proprio dessert con la sola aggiunta di qualche topping, come mandorle a lamelle o dei biscottini di accompagnamento.
Un dessert che conquisterà anche i palati più difficili, visto il suo sapore poco zuccherato e il gradevole retrogusto di frutta secca.
Come vedremo, la crema di mandorle, ricetta perfetta quando vorrete servire un dolce fatto in casa senza accendere il forno, si preparerà in appena 15 minuti e dopo il riposo in frigo sarà pronta per essere gustata. Se poi siete degli amanti di una ricca colazione, provatela spalmata sulle fette biscottate: non ne farete più a meno!

Dunque allacciamo i grembiuli e ingredienti a portata di mano: oggi vediamo come preparare la crema di mandorle, come usarla e come creare delle golose varianti.
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana” .
Preparazione
Per preparare la crema di mandorle, per prima cosa frullate le mandorle sgusciate con lo zucchero, all'interno di un mixer, fino ad ottenere una farina fine.

A questo punto aggiungete anche l'amido di mais e mescolate bene, infine unite la panna e il latte freddi, mescolando il tutto con una frusta a mano per evitare la formazione di grumi.

Trasferite il composto in un pentolino e ponetelo sul fuoco tenendo la fiamma dolce. Fate raggiungere il punto di ebollizione e cuocete per qualche minuto fino a quando la crema si sarà addensata.

Dopodiché spegnete il fuoco e trasferite la crema ottenuta in una ciotola. Coprite con pellicola alimentare a contatto e fate raffreddare per almeno 3 ore in frigorifero.

Al momento di servire, mescolate velocemente con una frusta a mano la vostra crema di mandorle e distribuitela in delle pratiche coppette monoporzione. Decorate a piacere con delle lamelle di mandorle e servite subito in tavola!
Accorgimenti
Vi consigliamo di non ridurre la dose di mandorle, perché se ne userete di meno, il mixer farà fatica a frullarle e a ridurle in una farina fine. Quando aggiungete i liquidi agli ingredienti secchi, versateli a filo, mescolando continuamente con una frusta a mano. Quando otterrete una pastella spessa, aggiungete il restante liquido e in questo modo eviterete del tutto la formazione di grumi.

Dopo il tempo di riposo in frigo, la crema di mandorle sembrerà molto soda e compatta per via dell'amido di mais presente al suo interno. Ma non vi preoccupate: mescolandola velocemente con una frusta a mano oppure con le fruste elettriche (che la monteranno in parte) tornerà ad essere vellutata e leggera.

La crema di mandorle avanzata, può essere conservata in frigo dentro a un contenitore ermetico oppure ben coperta da pellicola alimentare, per 2-3 giorni. Al momento del consumo, vi consigliamo sempre di mescolarla con una frusta per farla tornare vellutata. In alternativa potrete anche surgelarla, all'interno di un contenitore ermetico, e conservarla in questo modo per circa 2 mesi. Quando vorrete consumarla, vi basterà lasciarla scongelare per una notte in frigo.
Idee e varianti
Se preferite una crema alle mandorle più leggera e soffice, quando sarà perfettamente fredda, potrete aggiungere anche 150 ml di panna fresca montata. Unite le due preparazioni utilizzando una spatola da cucina e praticando movimenti dall'alto verso il basso per non smontare la panna e rendere la crema davvero spumosa. Se invece vorrete arricchire la crema con una nota di sapore in più, potrete aggiungere del cocco rapè per un gusto più esotico oppure delle gocce di cioccolato bianco per gli ospiti più golosi.

Per questa ricetta noi abbiamo usato delle mandorle non spellate, ma se preferite una crema del tutto bianca e priva di pellicine, vi basterà spellarle prima di frullarle. Per farlo avrete due alternative. La prima prevede di tostare le mandorle in forno a 160°C per 10-15 minuti. Passato questo tempo, vi basterà trasferirle all'interno di un canovaccio da cucina, strofinare bene e rimuovere manualmente le pellicine che non si sono rimosse. Il secondo metodo prevede di sbollentare le mandorle in acqua per 2-3 minuti. Dopodiché scolatele e utilizzate sempre il trucchetto del canovaccio da cucina. Con entrambi i metodi le mandorle si spelleranno in fretta, ma solo se eseguirete il passaggio quando saranno ancora ben calde.

Se poi vorrete rendere la ricetta più leggera, potrete preparare una crema di mandorle senza zucchero o altri ingredienti. In questo caso dovrete tostare circa 300 g di mandorle, poi frullarle con un mixer esattamente come visto sopra. Una volta ottenuta la farina però, dovrete proseguire a frullare fino a quando le mandorle rilasceranno il loro olio (da 5 a 10 minuti). Quando avrete ottenuto una crema liscia, trasferitela in un barattolo di vetro sterilizzato e chiudetela con un tappo nuovo. In questo modo la crema di mandorle si conserverà in frigo per circa 2 settimane.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?