Arista al latte

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 100 minuti
5.0 7
Introduzione
L'arista al latte è un secondo piatto di carne fra i più classici e gustosi. Si tratta di una ricetta tradizionale che consente di cucinare questo delizioso taglio di carne in modo da esaltarne al massimo la consistenza e il sapore: cuocendolo nel latte, infatti, si forma una delicata salsina da leccarsi i baffi!
Tenero e gustoso, questo piatto farà gola a tutti, anche a chi non è particolarmente amante della carne: provate a prepararlo per il pranzo della domenica in famiglia. La ricetta è abbastanza semplice e, con un po' di attenzione, il risultato è assicurato!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Iniziate la preparazione della ricetta dell'arista al latte disponendo la farina su un piatto piano.

Prendete quindi l'arista e passatevi intorno lo spago da cucina in modo da legare bene il pezzo di carne. A questo punto passatela nella farina, così da ricoprirla leggermente, ma in modo uniforme.

Preparate quindi un soffritto per rosolare la carne. Prima sbucciate l'aglio e la cipolla, per poi tritarli finemente entrambi. Mettete il burro a sciogliere in un tegame insieme ad un po' d'olio extravergine d'oliva.

Quando il burro sarà sciolto, unitevi l'aglio e la cipolla tritati e fateli appassire.

A questo punto unite l'arista e fatela rosolare per bene su tutti i lati. Aggiungete anche il rosmarino e le foglie di salvia (precedentemente sciacquati velocemente con acqua fredda), salate e pepate.

Coprite interamente la carne col latte e fatela cuocere per circa 1 ora e mezza, tenendo sempre la fiamma bassissima.

Trascorso il tempo necessario per la cottura, prelevate la vostra arista al latte dal tegame e disponetela su un tagliere: usando un coltello adatto tagliatela a fettine piuttosto sottili, che andrete a disporre su un piatto da portata.

Dopo aver tagliato la carne, passate al setaccio il fondo di cottura: versatelo quindi sulle fettine di arista, in modo da ricoprirle completamente. Servite subito!
Accorgimenti
Legare l'arista con lo spago non è un passaggio strettamente necessario: questo taglio di carne, infatti, ha una forma compatta e trattandosi di un pezzo unico non è indispensabile legarlo.
Per una riuscita ottimale, la ricetta dell'arista al latte richiede l'utilizzo di un tegame piccolo e alto, in modo da riuscire a ricoprire interamente la carne col latte.

Potete cuocere l’arista al latte col tegame coperto, ma se volete restringere un po' il sughetto al latte togliete il coperchio durante gli ultimi due minuti di cottura, alzando il fuoco.
Idee e varianti
Se preferite, potete evitare di ricoprire l'arista con la farina: in questo modo la vostra ricetta risulterà del tutto gluten free e anche chi ha problemi di intolleranza al glutine potrà gustare tranquillamente il piatto.

Se volete rendere l'arista ancora più gustosa, preparate un soffritto più ricco unendo alla cipolla e all'aglio anche una carota e una costa di sedano. Inoltre, per un risultato ancora più saporito, potete praticare dei tagli nella carne e farcirla con le erbe aromatiche che più gradite.

L’arista al latte è ottima anche servita a temperatura ambiente, riscaldando solo il sughino di cottura. Per presentarla bene, fate in modo di servirla anche con un contorno speciale: potete ad esempio preparare delle carotine saltate in padella con burro e coriandolo oppure delle patate al forno, profumate al prezzemolo o al rosmarino. Per questo piatto è molto indicato anche un contorno di funghi trifolati.

Una possibile variante della ricetta che vi abbiamo proposto consiste nel cambiare la modalità di cottura: anziché cuocerla nel tegame a fuoco basso, potete cuocere la vostra arista al forno. Prima rosolatela nel soffritto come riportato sopra, seguendo tutti i passaggi necessari. Mettetela quindi in una capiente pirofila insieme al latte e cuocetela nel forno (che dovrà essere già ben caldo) a 160°C. Il tempo di cottura nel forno è di circa 40-45 minuti (dipende dalla grandezza del pezzo di carne). Se avete un termometro da cucina, controllate la temperatura interna della carne: perché sia cotta deve superare i 65°C.

Al posto dell'arista al latte, è anche possibile utilizzare la lonza di maiale: cliccando qui potete leggere la ricetta completa della lonza al latte!
Si tratta di una preparazione piuttosto simile a quella riportata sopra.
Lonza e arista: le differenze
Ma in cosa differiscono lonza e arista di maiale? A differenza di ciò che comunemente si crede, non si tratta di due diversi tagli del maiale!
Il taglio è lo stesso e si chiama carré: è la parte superiore delle costole del maiale. Si tratta di un taglio piuttosto grasso e quindi gustoso.
La differenza sta nel fatto che l'arista comprende sia la carne che le ossa del carré, mentre la lonza include solo la carne e non le ossa. In linea di massima, l'arista risulta un po' più grassa rispetto alla lonza.
Entrambe, comunque, hanno in comune il fatto di poter essere cucinate in vari modi diversi: oltre che al latte come abbiamo visto, anche al forno, alla griglia oppure allo spiedo.
Inviato da Gustissimo.it il 30/03/2017 alle 09:54
Grazie Maria, facci sapere come va! A presto ;-)
Inviato da Maria il 29/03/2017 alle 16:09
allora se al seghetto aggiungete la spremuta di un limone secondo quanto e grande il limone rimarrete soddisfatti io lo faccio sempre e ancora non o trovato raduno che a detto che non gli piace
Inviato da Maria il 29/03/2017 alle 15:46
Buona idea la proverò domenica
Inviato da Gustissimo.it il 20/02/2017 alle 12:06
Siamo contenti che tu abbia apprezzato la ricetta Roberta! Alla prossima!! :-D
Inviato da Roberta il 17/02/2017 alle 19:04
Veramente buono. Al posto del rosmarino e della salvia, che non avevo, ho messo una foglia di alloro e una grattata di noce moscata. Da rifare!!

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?