Busiate al pistacchio

Difficoltà:
difficoltà 3
Dosi: per 4 persone
Tempo: 50 minuti
Note: + 1 ora per il riposo dell'impasto
Quello proposto nella ricetta che segue è un piatto che racchiude tutto il gusto dell'ottima e ricca tradizione culinaria siciliana: Gustissimo sta per presentarvi le busiate al pistacchio!
Gli ingredienti principali che compongono questo primo sono tipicamente siciliani. Le busiate, tanto per cominciare. Si tratta di una formato di pasta fresca tipico della zona di Trapani (ma consumato un po' in tutta l'isola): hanno una forma lunga e attorcigliata e sono deliziose, soprattutto se abbinate a condimenti corposi (visto che grazie alla loro particolare forma riescono a trattenere molto bene il sugo). Per quanto riguarda il pistacchio, è superfluo ricordare che in Sicilia ne esiste una varietà molto pregiata: il celebre pistacchio di Bronte, naturalmente.
In questa ricetta i pistacchi sono utilizzati sotto forma di pesto (che si può fare a casa o comprare già pronto), in modo da poter condire meglio la pasta. E, per completare il condimento e conferirgli un'invitante profumo di mare, il pistacchio è abbinato ai gamberi, altro ingrediente eccellente in Sicilia.
Vediamo subito come preparare delle ottime busiate al pesto di pistacchi e gamberi!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Per fare le busiate al pistacchio, potete naturalmente comprare le busiate già pronte, ma se non riuscite a trovarle oppure se avete voglia di gustare un buon piatto di pasta fresca fatta in casa, perché non provare a farle da soli? La ricetta è semplice e il piatto ne guadagnerà in gusto e genuinità.

Disponete quindi la farina di semola a fontana e unitevi un pizzico di sale. Misurate 200 ml circa di acqua e iniziate a versarne un po' in mezzo alla fontana: cominciate anche ad impastare, raccogliendo gradualmente la farina e versando poco alla volta tutta l'acqua.

Quando avrete ricavato un impasto dalla consistenza compatta, copritelo con uno strofinaccio pulito (dopo avergli dato la forma di una palla e averlo disposto dentro una terrina) e fatelo riposare per un'oretta.

Dopo l'ora di riposo, riprendete con la ricetta delle busiate al pistacchio da dove l'avete interrotta. Mettete quindi l'impasto sul piano di lavoro e cominciate a formare le busiate: prima stendete il panetto con un mattarello, dopodiché ritagliate dalla sfoglia di pasta ottenuta (che non dev'essere eccessivamente sottile) tante strisce lunghe circa una decina di centimetri.
Usando un ferro da calza piuttosto spesso (il ferro andrà benissimo in mancanza dell'apposito buso che in teoria bisognerebbe utilizzare per questo formato di pasta), formate quindi le busiate: sarà sufficiente arrotolare ogni striscia di pasta intorno al ferro, per poi sfilarla via.

Una volta esaurite tutte le strisce di pasta, mettete da parte le busiate (disposte su uno strofinaccio) a riposare e intanto preparate il condimento.

Iniziate dai gamberi: puliteli privandoli della testa e del filo nero (il cosiddetto "budellino": per toglierlo facilmente potete aiutarvi con uno stuzzicadenti), dopodiché sciacquateli bene.

Tritate lo spicchio d'aglio e fatelo soffriggere in una capiente padella: unite quindi i gamberi appena puliti e fateli andare solo per pochi minuti, salandoli e pepandoli a piacere. Affinché il condimento delle vostre busiate al pistacchio sia perfetto, ricordatevi di non cuocere troppo i gamberi: li fareste diventare duri (devono invece mantenersi morbidi) e rovinereste il piatto. Teneteli da parte al caldo.

A questo punto potete mettere a bollire l'acqua per la pasta: salatela una volta che arriva ad ebollizione e mettetevi a lessare le busiate.

Scolatele leggermente al dente (tenendo da parte un po' dell'acqua di cottura) e mettetele nella padella insieme ai gamberi: unite anche il pesto di pistacchi e aggiungete un poco di acqua di cottura della pasta, quanto basta per amalgamare meglio il condimento (dovrebbero essere sufficienti 2-3 cucchiai di acqua), spadellando e saltando per bene il tutto.

Servite subito le vostre busiate al pistacchio, per gustarle ben calde!
Accorgimenti
Per preparare delle busiate trapanesi al pistacchio eccellenti, scegliete con attenzione gli ingredienti del condimento. Il pesto di pistacchi può essere fatto in casa oppure comprato già pronto (purché sia di buona qualità), mentre i gamberi devono essere teneri e carnosi.
Idee e varianti
Se volete, per amalgamare meglio il condimento potete unire ai gamberi e al pesto di pistacchi anche un po' di panna da cucina.

Al momento di impiattare le busiate al pistacchio, per presentarle bene potete spolverare sopra ogni piatto un po' di granella di pistacchio (in questo modo si formerà anche un piacevole contrasto di consistenze fra la croccantezza della granella e la morbidezza del pesto e dei gamberi).

Per ottenere un piatto meno delicato e dal gusto un po' più "rustico", provate a sostituire i gamberi con la pancetta!
Per fare il condimento delle busiate al pesto di pistacchi e pancetta, dovrete soltanto mettere a rosolare circa 150 g di pancetta tagliata a cubetti in mezza cipolla precedentemente tritata e soffritta in poco olio. Quando la pancetta avrà preso colore, unite il pesto di pistacchi (circa 100 g) e un po' di panna da cucina per dare maggiore cremosità all'insieme (al posto della panna potete semplicemente unire un po' di acqua di cottura della pasta, nel momento in cui saltate le busiate con il pesto).
Fate andare per 2-3 minuti, dopodiché il condimento è pronto da utilizzare!

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?