Chiffon cake all'arancia

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 1 torta
Tempo: 80 minuti
Note: +2 ore di raffreddamento
La chiffon cake all'arancia è una torta lievitata golosissima ed estremamente soffice, ideale per la prima colazione ma anche per un fine pasto sfizioso, semplicemente servita insieme a una pallina di gelato alla vaniglia. L'orange chiffon cake, ricetta facile e veloce che vi richiederà poco tempo di preparazione, necessiterà invece di un lungo tempo di raffreddamento a testa in giù, caratteristica che renderà questa torta davvero soffice e alta. La chiffon cake all'arancia è una ricetta che siamo certi saprà conquistarvi con la sua sofficità unica e per la delicata nota agrumata sempre gradita nei dolci lievitati. Dunque allacciamo i grembiuli e preriscaldiamo il forno: oggi vediamo insieme come preparare questa irresistibile chiffon cake all'arancia!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana” .
Preparazione
Per preparare la chiffon cake all'arancia per prima cosa unite gli ingredienti secchi (farina, zucchero e lievito per dolci) all'interno di una ciotola e mischiateli bene con una frusta a mano per incorporarli bene. A questo punto spremete le arance e filtratene il succo, dovrete ottenerne circa 200 ml. Versate a filo il succo di arancia nella ciotola e continuate a mescolare con la frusta per evitare la formazione di grumi.

A questo punto dividete i tuorli delle uova dagli albumi che verserete in una ciotola a parte. Unite i tuorli al composto di farina e succo di arancia e poi aggiungete il cremor tartaro agli albumi e montateli a neve ferma. Una volta che gli albumi saranno bianchi e spumosi, aggiungeteli in due o tre riprese al composto nella ciotola e incorporateli con una spatola e praticando dei movimenti dall'alto verso il basso per non smontarli. Unite anche la scorzetta di arancia grattugiata finemente.

Quando otterrete un impasto liscio e ben areato, trasferitelo all'interno dello stampo da chiffon cake da 26 cm di diametro, che non dovrete né imburrare né infarinare. Livellate bene l'impasto e cuocetelo in forno statico preriscaldato a 150°C, nel ripiano centrale, per circa 1 ora. Una volta che sarà cotta e dorata, sfornate la torta e capovolgetela a testa in giù, lasciandola raffreddare nel suo stampo per almeno 2-3 ore.

Dopo il tempo di raffreddamento, passate la lama di un coltello liscio su tutto il perimetro interno ed esterno dello stampo per staccare la torta, poi capovolgetela su un piatto da portata. Rimuovete anche la base dello stampo, passando sempre preventivamente la lama del coltello tra la base e la torta per staccarla. A questo punto potrete decorare la vostra chiffon cake all'arancia con dello zucchero a velo o con degli sciroppi e glasse, e sarà pronta per essere servita!
Accorgimenti
Lo stampo da chiffon cake non andrà mai imburrato e infarinato, perché la torta dovrà letteralmente attaccarsi allo stampo per poi poter raffreddare a testa in giù senza cadere. Questo non farà collassare la lievitazione e renderà la torta soffice e ben areata.

Quando versate l'impasto all'interno dello stampo, livellatelo con cura con la spatola e poi battetelo delicatamente sul piano di lavoro per far risalire le eventuali bolle d'arai che si saranno formate. In questo modo, al taglio, la torta risulterà più omogenea e bella da vedere.

Per assicurarvi che la vostra chiffon cake all'arancia sia effettivamente cotta fate sempre la “prova dello stecchino” ma solo negli ultimi 5 minuti di cottura suggeriti dalla ricetta, per evitare di rovinarne la lievitazione. Per farla dovrete semplicemente infilare uno spiedino di legno nella torta in modo da raggiungerne il cuore e sfilarlo via: se lo spiedino uscirà completamente asciutto vuol dire che la torta è cotta e potrete sfornarla, in caso contrario, proseguite la cottura per altri 5 minuti controllando nuovamente prima di sfornarla.

La chiffon cake all'arancia si conserva a temperatura ambiente, sotto una campana per dolci o dentro a un contenitore ermetico per 3-4 giorni. In alternativa potrete anche surgelarla, già tagliata a fette, e conservarla all'interno di sacchetti gelo o contenitori ermetici, in questo modo si conserverà per circa 2 mesi. Al momento del consumo vi basterà semplicemente lasciarla scongelare in frigo per una notte oppure nel forno caldo per una decina di minuti, avendo l'accortezza di coprirla con un foglio di carta di alluminio per non farla seccare.
Idee e varianti
Se volete intensificare il sapore di arancia della chiffon cake, potrete aggiungere all'impasto anche una fialetta di aroma all'arancia. Se invece volete preparare una torta agli agrumi potrete miscelare il succo di arancia anche con del succo di limone e del succo di mandarini (rispettando sempre la dose complessiva di 200 ml). In alternativa potrete aromatizzare l'impasto anche con i semi e la polpa di una bacca di vaniglia, con un cucchiaino di estratto di vaniglia, con dei liquori come il Rum, il Brandy o il Cognac (ne basterà un bicchierino scarso) oppure aggiungendo anche delle spezie come cannella o zenzero in polvere (1 cucchiaino raso).

Se poi vorrete rendere più scenografica il vostro dessert, potrete preparare una chiffon cake all'arancia con glassa. Una volta che la torta si sarà raffreddata dovrete preparare la glassa unendo dello zucchero a velo a qualche goccia di limone e a qualche cucchiaio di acqua fredda. Mescolate velocemente e quando otterrete una crema fluida e perlacea, dovrete semplicemente versarla sulla vostra chiffon cake all'arancia.

In alternativa e per rendere ancora più golosa la ricetta potrete preparare una chiffon cake arancia e cioccolato. In questo caso dovrete unire all'impasto anche 100 g di gocce di cioccolato fondente. Un piccolo trucchetto per evitare che in cottura le gocce di cioccolato si depositino sul fondo, è di aggiungere alle gocce di cioccolato un cucchiaio di amido di mais, mescolate bene in modo che la maizena ricopra bene le gocce di cioccolato ed eliminatene l'eccesso scrollandole delicatamente tra le mani, prima di unirle all'impasto. In questo modo resteranno nell'impasto in maniera più omogena.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?