Baccalà alla pizzaiola

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 5 persone
Tempo: 40 minuti
Note: + 2-3 giorni per l'ammollo del baccalà
Ricco di nutrienti (proteine, minerali e vitamine) e povero di grassi, il baccalà è un pesce molto sano e adatto a tutti, anche a chi sta seguendo una dieta. Inoltre le sue carni delicate offrono la possibilità di essere cucinate e condite in una miriade di maniere diverse! Con ricette sempre nuove non vi stuferete mai di mangiare il baccalà.
Di seguito vogliamo proporvi un piatto che potrebbe essere definito un pilastro della cucina campana: il baccalà alla pizzaiola!
La ricetta del baccalà alla pizzaiola è molto gustosa: la preparazione prevede due fasi. Prima bisogna friggere i pezzi di baccalà e successivamente occorre passarli in forno, dopo averli coperti con sugo al pomodoro, olive e origano.
Vediamo subito come si fa il baccalà alla pizzaiola seguendo la preparazione classica, con la frittura del pesce e a seguire il passaggio in forno.
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana”.
Preparazione
Per preparare il baccalà alla pizzaiola, iniziate tagliando il vostro pesce a pezzi non troppo piccoli, ma all'incirca della lunghezza di 10 centimetri. Dopo aver eliminato le spine, procedete con la dissalatura: prima sciacquate bene il baccalà con acqua corrente (così da togliere il sale che lo copre esternamente), dopodiché immergetelo in una terrina o in un pentola riempita di acqua fredda.
Dopo circa 2-3 giorni di ammollo (durante i quali dovrete cambiare l'acqua più o meno ogni 8 ore), potete prelevare il baccalà e sciacquarlo per bene con acqua corrente, per poi scolarlo e asciugarlo tamponandolo con uno strofinaccio.

Se volete evitare questa lunga procedura necessaria per dissalare il baccalà, ricordate che potete sempre comprare del baccalà già dissalato: in tal caso potete procedere subito con la ricetta, senza perdere tempo.

Il primo passaggio della ricetta vera e propria consiste nell'infarinare i pezzi di pesce: mettete qualche cucchiaiata di farina dentro un piatto e passatevi i pezzi di baccalà, infarinandoli bene.
Dopo averli infarinati, potete friggerli: scaldate parecchio olio di semi dentro una casseruola adatta alla frittura e, una volta che l'olio sarà caldo, friggetevi tutti i pezzi di baccalà, girandoli per dorarli bene da tutte le parti. Disponeteli quindi sopra della carta assorbente, per far colare l'olio in eccesso.

Il prossimo passaggio consiste nel preparare il sugo che vi servirà per condire il baccalà alla pizzaiola. Scaldate un po' d'olio extravergine d'oliva in un tegame e mettetevi a rosolare lo spicchio d'aglio tagliato a fettine o a pezzettini. Se volete ottenere un sughetto leggermente piccante, unite al soffritto anche del peperoncino.
Rosolate quanto basta per far prendere colore all'aglio, dopodiché unite i pomodori pelati e insaporite con un po' di origano e poco sale: mescolate bene e fate andare il sughetto a fuoco medio-basso fino a quando la sua consistenza non si sarà un po' addensata. Non serve che sia molto ristretto, per cui non cuocetelo a lungo.

Una volta pronto il sugo, distribuitene un po' sul fondo di una teglia da forno dalla forma rettangolare, quanto basta per "sporcarla" con uno strato uniforme. Mettete quindi sopra il sugo i pezzi di baccalà fritto: copriteli con la rimanente salsa, spargete sopra la salsa le olive e completate con una bella spolverata di origano.

Ora non vi resta che infornare la teglia e far cuocere il vostro baccalà alla pizzaiola per una decina di minuti circa, a 180°C. Servitelo ben caldo!
Accorgimenti
Scegliete con cura gli ingredienti del baccalà alla pizzaiola, in modo da essere sicuri di ottenere un ottimo piatto. Dev'essere tutto fresco e di prima qualità e naturalmente, visto che è l'ingrediente principale, ci vuole un occhio di riguardo per il baccalà: per questa preparazione l'ideale è acquistare dei filetti belli carnosi e piuttosto spessi.

Consigliamo di fare il baccalà alla pizzaiola un giorno prima di servirlo: riposandosi diventerà maggiormente saporito! Al momento di consumarlo, non dovrete fare altro che scaldarlo.
Idee e varianti
Anche se la ricetta tradizionale prevede solitamente la cottura al forno, il baccalà alla pizzaiola si può cuocere anche in padella.
La procedura da seguire consiste in pratica nel mettere i pezzi di baccalà a cuocere insieme al sugo, direttamente in padella. Quindi prendete una padella capiente che possa contenere bene tutto il pesce: fatevi soffriggere lo spicchio d'aglio, unendo anche un po' di peperoncino se lo gradite. Aggiungete i pomodori pelati: fate andare qualche minuto, dopodiché adagiate in padella anche i pezzi di pesce e le olive. Cuocete il tutto a fiamma bassa finché il baccalà non sarà ben cotto, regolandovi in base alla grandezza e allo spessore dei pezzi (più o meno ci vorranno 15-20 minuti). Se il sugo dovesse restringersi troppo prima che il pesce sia pronto, allungatelo con poca acqua calda. Verso la fine, insaporite il tutto con un po' di origano.
Questa è una versione light del baccalà alla pizzaiola in padella, in quanto non prevede la frittura dei pezzi di pesce.
Ma se volete seguire la ricetta classica e dare più gusto al piatto, prima di metterli a cuocere in padella infarinate e friggete in abbondante olio di semi i vostri pezzi di baccalà (proprio come indicato nella ricetta di base).

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?