Cavolini di Bruxelles

Caratteristiche generali
I cavolini, o cavoletti, sono i germogli del cavolo di Bruxelles. Di piccole dimensioni e dalla forma tonda, crescono su lunghi steli che possono sorreggere fino a 40 germogli.
I cavolini di Bruxelles sono raccolti quando raggiungono un diametro di circa 3 centimetri, in modo da ottenere un prodotto tenero.
Da un punto di vista nutrizionale, i cavolini di Bruxelles sono apprezzati perché, a fronte di un apporto di calorie davvero esiguo, contengono molti sali minerali, tra cui il prezioso potassio, e vitamine A e C.
Stagione
Mesi invernali.
Tipi/Varietà
Esistono diverse varietà di cavoletti di Bruxelles, che si distinguono soprattutto per le dimensioni e per il periodo in cui sono raccolti.
Troviamo quindi la varietà precoce, dei mesi settembre e ottobre, la semi-tardiva (novembre-dicembre) e la tardiva (gennaio-marzo).
Esiste anche una varietà rara di cavoletti di colore rosso.
Uso in cucina
I cavolini di Bruxelles sono cucinati lessati o al vapore, come contorno leggero per piatti di carne.
Ottimi serviti col burro fuso, secondo la tradizione nordica.
Come pulire
Lavate i cavolini sotto l'acqua corrente, eliminando le foglie esterne, se sono rovinate. Per facilitare la cottura, potete inciderli sulla parte superiore e tagliare la base per renderla regolare.
Guida all’acquisto
Scegliete i cavolini con le foglie sode e carnose e la forma compatta e ben incappucciata.
Metodo di conservazione
I cavolini di Bruxelles si conservano in frigorifero per 4-5- giorni.
Curiosità
Come già accennato, i cavolini di Bruxelles sono alimenti molto importanti per il loro contenuto di sali minerali.
Tra le numerose proprietà benefiche, hanno azione disintossicante e antianemica. Inoltre contengono l'acido folico, molto importante per le donne in gravidanza.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?