Vellutata di lenticchie

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 40 minuti
La vellutata di lenticchie è un delizioso primo piatto perfetto per una cena in famiglia e facilissimo da preparare. Comfort food eccellente quando si ha voglia di un piatto caldo, dopo una fredda giornata invernale, questa vellutata di lenticchie rosse vi conquisterà con il suo sapore delicato e la consistenza liscia e cremosa, ideale da accompagnare a dei crostini di pane croccanti per avere consistenze diverse nel piatto. Inoltre questa ricetta è perfetta per chiunque, perché è una vellutata di lenticchie vegan e senza glutine, leggera e saporita, ideale anche per la dieta dei bimbi più piccoli. Ricca di sostanze nutritive e fibre, questa vellutata si prepara in appena 30 minuti e farà la gioia di ogni palato. Se poi vorrete arricchirla non vi basterà che leggere al fondo della ricetta le nostre proposte per delle gustose varianti. Vi verrà l'acquolina in bocca!
Dunque allacciamo i grembiuli e mettiamoci ai fornelli: oggi vediamo insieme la ricetta della vellutata di lenticchie.
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana” .
Preparazione
Per preparare la vellutata di lenticchie, per prima cosa dedicatevi alle verdure per il soffritto. Sbucciate la carota ed eliminate i due capi, poi pulite il gambo di sedano eliminando i filamenti esterni e sbucciate mezza cipolla. Tritate tutte le verdure e ponetele in una pentola capiente insieme a un generoso filo di olio extravergine di oliva e a uno spicchio di aglio sbucciato e intero.
Accendete la fiamma e tenendo il fuoco medio-basso fate appassire le verdure. Nel frattempo lavate i pomodorini e tagliateli in quarti, poi risciacquate le lenticchie rosse e sgocciolatele bene. Quando le verdure saranno rosolate, aggiungete nella pentola le lenticchie e i pomodorini, mescolate bene affinché si insaporisca tutto, poi eliminate lo spicchio di aglio e aggiungete due bicchieri di brodo vegetale.

Coprite con il coperchio e una volta che avrà raggiunto il bollore, abbassate la fiamma e discostate leggermente il coperchio. Lasciate cuocere per circa 20 minuti, dopodiché aggiungete altri due bicchieri di brodo vegetale per allungare la zuppa e fate cuocere altri 10 minuti.
A questo punto aggiungete la panna, spegnete la fiamma e sarete pronti per frullare con il mini-pimer. Azionate a scatti l'elettrodomestico fino a quando riuscirete ad ottenere una crema liscia e vellutata. Regolate eventualmente di sale e pepe e completate a piacere con un trito di prezzemolo fresco. La vostra vellutata di lenticchie è pronta per essere impiattata e gustata!
Accorgimenti
La vellutata di lenticchie dovrà avere una consistenza cremosa ma non troppo spessa. Dunque se doveste rendervi conto che faticate a frullare la zuppa, aggiungete ancora un goccio di brodo vegetale per renderla più fluida. Al contrario, se dovesse risultare troppo liquida, potrete farla restringere ancora un po' sul fuoco, a fiamma bassissima e mescolando spesso per farla addensare, oppure aggiungere un cucchiaio raso di amido di mais, da diluire in un goccio di brodo vegetale. Anche in questo caso dovrete riportarla sul fuoco, ma saranno sufficienti 2 o 3 minuti affinché si addensi.

Qualora dovesse avanzare, la vellutata di lenticchie si potrà conservare in frigo, dentro a un contenitore ermetico, per 2-3 giorni. Al momento del consumo vi basterà riscaldarla all'interno di un pentolino aggiungendo un goccio di acqua o brodo vegetale per renderla nuovamente cremosa. Visto il tipo di ricetta, ne sconsigliamo la surgelazione.
Idee e varianti
Per questa ricetta noi abbiamo utilizzato delle lenticchie secche, ma se vorrete ridurre i tempi di preparazione, potrete utilizzare quelle in scatola. In questo caso saranno sufficienti 15-20 minuti di cottura totale. Un'altra opzione, prevede di preparare la vellutata con farina di lenticchie. In questo caso preparate il soffritto come visto sopra e intanto in una ciotola, diluite lentamente la farina di lenticchie con il brodo vegetale versandolo a filo e mescolando continuamente con una frusta a mano per evitare la formazione di grumi. Le dosi rimarranno identiche. Una volta che il soffritto sarà rosolato, aggiungete il composto di farina di lenticchie e procedete con la cottura come visto sopra.

La vellutata di lenticchie può essere poi personalizzata a piacere. Ad esempio se vorrete rendere più saporito il piatto, potrete completarlo con un cucchiaio di yogurt greco (non zuccherato e al naturale) e dell'erba cipollina fresca oppure potrete ingolosirlo servendolo con del bacon reso croccante in padella e sbriciolato sopra ad ogni piatto appena prima di servire in tavola.

Se poi vorrete un piatto più corposo, potrete aggiungere alla vellutata anche due patate, da sbucciare e tagliare a tocchetti piccoli. Fatele rosolare insieme al soffritto, poi unite le lenticchie e procedete come visto sopra. In questo caso però gli amidi delle patate renderanno più densa la vellutata, dunque sarà necessario aggiungere un goccio di brodo vegetale in più. In alternativa potrete cuocere della pastina all'interno della vellutata, resa più liquida con l'aggiunta di un ulteriore bicchiere di brodo vegetale. Dunque fatele raggiungere il bollore, poi unite la pastina, cuocete per il tempo indicato e regolatevi con la densità. Otterrete un primo piatto delizioso e completo.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?