Linguine alla pescatora

Difficoltà:
difficoltà 3
Dosi: per 4 persone
Tempo: 40 minuti
Introduzione
Le linguine alla pescatora sono un primo piatto di mare davvero irresistibile, preparato con un ricco sugo a base di cozze, vongole, calamari e gamberi. Le linguine alla pescatora, ricetta tipica della tradizione culinaria del Sud Italia, sono un piatto ideale per ogni occasione, da un buon pranzo domenicale in famiglia fino alle occasioni più speciali o quando avrete ospiti, perché il loro successo è sempre assicurato. Come vedremo le linguine alla pescatora con pomodoro non sono particolarmente difficili da preparare, ma presentano alcune accortezze necessarie per la buona riuscita del piatto. Come sempre vi illustreremo passo passo come fare in modo che possiate ottenere un primo piatto gustoso e davvero ricco con cui stupire piacevolmente i palati di tutti i commensali. Dunque non perdiamo altro tempo e allacciamo i grembiuli: oggi vediamo insieme come cucinare le linguine alla pescatora!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana” .
Procedimento
Per preparare le linguine alla pescatora cominciate mettendo le vongole in ammollo in una ciotola con acqua fredda con una manciata abbondante di sale grosso e lasciate spurgare per almeno 2-3 ore in frigo, cambiando l'acqua un paio di volte e aggiungendo altro sale, fino a quando l'acqua sarà limpida. Nel frattempo pulite anche le cozze, spazzolandone bene il guscio e rimuovendo il bisso laterale tirandolo verso il basso. Risciacquale e trasferitele in una ciotola in frigo fino a quando dovrete cuocerle. Pulite anche i calamari eliminando il becco, gli occhi, la pelle e le interiora, poi risciacquateli bene sotto un getto di acqua fresca e tagliateli a pezzetti. Dedicatevi infine ai gamberi eliminando la testa e il carapace, dopodiché rimuovete anche il budello nero sul dorso utilizzando uno stuzzicadenti da infilzare appena al di sotto del budello e tirandolo poi verso l'alto per sfilarlo via. A questo punto siete pronti per la cottura.

In una padella antiaderente rosolate uno spicchio di aglio insieme a un generoso filo di olio extravergine di oliva, quando l'aglio sarà ben dorato aggiungete le vongole scolate e risciacquate insieme a qualche rametto di prezzemolo poi coprite con il coperchio e lasciate aprire le vongole a fuoco medio. Eseguite lo stesso passaggio anche per le cozze in una padella a parte, preparando il soffritto di aglio, aggiungendo le cozze con il prezzemolo e coprendo con il coperchio fino a farle aprire. Una volta che sia le vongole che le cozze saranno aperte, spegnete la fiamma, scolatele dal fondo di cottura e trasferitele in una ciotola per farle intiepidire. Filtrate i fondi di cottura di cozze e vongole con un colino a maglie, poi mischiateli e teneteli in caldo. Quando le cozze e le vongole saranno tiepide, sgusciatene la metà lasciando le altre con il guscio per decorare i piatti.

In una padella antiaderente a parte preparate un soffritto con uno spicchio di aglio e non appena questo risulterà ben dorato aggiungete i calamari a pezzetti e i gamberi sgusciati. Fate cuocere a fuoco vivace per 5-10 minuti, poi sfumate con il vino bianco alzando la fiamma. Quando tutto l'alcool sarà evaporato aggiungete la passata di pomodoro e un mestolo di fondo di cottura di cozze e vongole. Regolate di sale e pepe e lasciate cuocere la salsa a fuoco medio-dolce per 15 minuti circa. Nel frattempo mettete a bollire una pentola di acqua salata in cui cuocere la pasta. Quando il sugo si sarà ristretto e sarà saporito, aggiungete anche le cozze e vongole sgusciate. Cuocete le linguine al dente e scolatele direttamente nella padella del condimento, proseguendo la cottura al salto e aggiungendo un mestolo di brodo di cozze e vongole quando il fondo si asciugherà troppo. Portate la pasta a cottura e infine completate aggiungendo le cozze e vongole con il guscio per decorare e con una generosa manciata di trito di prezzemolo fresco. Le vostre linguine alla pescatora sono pronte per essere gustate!
Accorgimenti
Qualora le vongole fossero particolarmente piene di sabbia, vi consigliamo di lasciarle spurgare anche per una notte intera in acqua e sale, all'interno del frigo. Il fondo di cottura andrà poi filtrato con un colino a maglie strette e possibilmente utilizzando anche una garza da cucina molto fitta. Per pulire in maniera ottimale i gusci delle cozze invece, vi consigliamo di utilizzare una paglietta abrasiva.

Se poi gradite decorare i piatti con delle mazzancolle intere e non private del carapace, potrete tenere da parte qualche gambero, spadellarlo con un soffritto di aglio e prezzemolo e infine sfumarlo con del Brandy per aggiungere una nota di sapore in più.

Le linguine alla pescatora andrebbero preparate e consumate sul momento per gustarne al meglio il sapore. Ma nel caso in cui dovessero avanzarvi potrete conservarle comunque in frigo, dentro a un contenitore ermetico, per massimo 1 giorno. Al momento del consumo riscaldatele in padella aggiungendo un goccio di acqua o un filo di olio extravergine di oliva per rendere il fondo di nuovo fluido.
Idee e varianti
Se vi piacciono le ricette piccanti, allora potrete arricchire il sapore delle vostre linguine alla pescatora aggiungendo del peperoncino tritato al soffritto di aglio del sugo. Se preferite potrete sostituire la passata di pomodoro con 3 cucchiai di concentrato di pomodoro, da diluire con un goccio di brodo. Questo renderà il piatto più delicato.

Se poi preferite omettere la passata di pomodoro potrete preparare delle linguine alla pescatora in bianco. In questo caso, oltre al fondo di cottura di cozze e vongole, vi consigliamo di preparare anche un fumetto con le teste e i carapaci dei gamberi. Trasferiteli in una pentola insieme ad acqua, uno spicchio di aglio e del prezzemolo fresco. Lasciate cuocere per circa 30 minuti a fuoco medio-dolce, poi filtrate il brodo e utilizzatelo per ultimare la cottura al salto delle linguine. Questo servirà a creare un fondo di cottura cremoso e davvero saporito.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?