Kimchi

Difficoltà:
difficoltà 2
Dosi: per 4 persone
Tempo: 30 minuti
Note: + 6 ore di ammollo del cavolo e 1 settimana di fermentazione
Il kimchi è una preparazione tipica della cucina coreana e si tratta di cavolo fermentato con varie spezie e gradevolmente piccante. Il kimchi, ricetta di origine popolare, è famoso in tutta la Corea grazie alle sue mille proprietà benefiche e al suo sapore leggermente acidulo, in grado di accompagnarsi sia a piatti di pesce che di carne, ripulendo il palato tra un boccone e l'altro.

Ricco di vitamine e minerali, il kimchi coreano è considerato a tutti gli effetti un superfood, grazie al suo profilo nutrizionale davvero ricco. Inoltre, come vedremo, questa preparazione può essere servita sia come contorno, che utilizzata come un ingrediente nella preparazione di moltissime ricette coreane davvero saporite e sfiziose. Non vi rimarrà che sbizzarrirvi ai fornelli con tante ricette asiatiche, che stupiranno il palato di tutta la famiglia!

Dunque non perdiamoci in altre chiacchiere e vediamo subito come preparare il vero kimchi con ricetta originale!
Alcuni ingredienti potrebbero contenere allergeni (glutine, lattosio..) o tracce di derivati animali. Per maggiori informazioni leggi le guide: “Alimentazione e allergeni” e “Alimentazione vegana” .
Preparazione
Per preparare il kimchi, per prima cosa prendere il cavolo cinese e tagliatelo prima in 4 parti, seguendo il senso della lunghezza e poi in tocchi, rimuovendo la parte centrale che risulta più dura. A questo punto risciacquate sotto un getto di acqua fredda e lasciate il cavolo in ammollo in acqua e sale per circa 2 ore. Passato il tempo di riposo, scolate il cavolo e ripetete il passaggio per altre due volte. Finito il tempo si ammollo in acqua e sale, scolate il cavolo e risciacquatelo con acqua fresca, dopodiché lasciatelo a scolare in modo che perda l'acqua in eccesso.

Nel frattempo preparate la salsa kimchi. In un pentolino unite la farina di riso setacciata e stemperatela con l'acqua, facendo attenzione a non creare grumi. Ponete sul fuoco e portate a bollore, aggiungete quindi lo zucchero di canna e continuate a cuocere a bassa fiamma, fino ad ottenere un composto lucido e gelatinoso. Lasciatelo quindi da parte a raffreddare e preparate il mix di spezie.

In una ciotola capiente unite la salsa di pesce, l'aglio coreano e lo zenzero tritati, il cipollotto affettato finemente e la pasta di peperoncino coreana (gochugaru). Unite quindi il composto a base di farina di riso e mescolate bene il tutto. A questo punto unite nella ciotola anche il cavolo cinese e utilizzando un guanto, mescolate il tutto fino a quando la verdura sarà completamente cosparsa dal condimento.

Dopodiché trasferite il cavolo condito nei barattoli sterilizzati e chiudete con un coperchio nuovo. Riponete i barattoli in luogo fresco e asciutto e fate fermentare il cavolo per almeno 7 giorni. A questo punto il vostro kimchi sarà pronto per essere gustato!
Accorgimenti
Per una perfetta fermentazione, il kimchi dovrebbe restare per 7 giorni ad una temperatura inferiore ai 20°C. Dunque se non avete una cantina, potrete riporlo in frigo, ma aumentando il tempo di fermentazione a due settimane.

In molti si chiedono come capire se il kimchi sia davvero pronto. L'unico modo per farlo è assaggiare il prodotto. Se dopo una settimana l'inizio della fermentazione, ritenete che il sapore sia soddisfacente, potrete già servirlo in tavola. Se invece desiderate un sapore più intenso e acidulo, proseguite con la fermentazione per un'altra settimana.

Una volta che avrete terminato il periodo di fermentazione, potrete conservare il kimchi in frigo e consumarlo a piacere. Tenete comunque conto che più passerà il tempo, più il sapore del kimchi sarà intenso e pungente.
Idee e varianti
Spesso è difficile reperire tutti gli ingredienti necessari per la preparazione del kimchi casalingo. Ma nel caso non li trovaste, è possibile comunque fare delle sostituzioni. Ad esempio se non riuscite a reperire il cavolo cinese, potrete sostituirlo con del cavolo verza. Invece l'aglio coreano può essere sostituito con dell'aglio nostrano e la salsa di pesce può essere sostituita dalla salsa di soia. In questo modo otterrete anche una versione vegana del kimchi. In ultimo se non trovate la pasta di peperoncino (gochugaru) potrete crearla con del concentrato di pomodoro e del peperoncino secco sbriciolato.

Il kimchi fermentato e pronto da consumare, può essere servito a tavola come contorno, da stuzzicare in accompagnamento a piatti di carne e di pesce. Oppure può essere usato come un vero e proprio ingrediente per la preparazione di golosissime ricette coreane, come ad esempio il kimchi jjigae, ovvero uno stufato a base di carne, verdure e kimchi; i kimchi buchimgae, ovvero i famosi pancake coreani, e il kimchi guk, una zuppa a base di solo kimchi.

Inoltre un altro piatto molto amato e consumato in Corea, è il riso fritto con kimchi. Per prepararlo dovrete riscaldare due cucchiai di olio di semi di sesamo in una wok capiente e rosolare il kimchi per qualche minuto. Dopodiché aggiungete il riso già cotto e fate insaporire e rosolare il tutto, fino a quando tutti i succhi del kimchi saranno evaporati. A questo punto cuocete in un pentolino a parte un uovo all'occhio di bue e impiattate posizionando il riso al kimchi sul fondo del piatto e l'uovo al di sopra. Cospargete con cipollotto fresco tritato e semi di sesamo a piacere e il vostro riso fritto con kimchi, sarà pronto per essere gustato!

Newsletter

Iscriviti alla newsletter - Gratis tante ricette squisite

Speciali

La ricetta su misura per te, trovala subito! Cosa cucino con quello che ho nel frigo?